Frana a Gerosa: una settimana per la riapertura della strada

Eleonora Busi 10/04/2019 0 commenti

Ci vorrà una settimana prima della riapertura almeno a senso unico alternato: è questo ciò che si prospetta per la Strada provinciale 14 che collega Gerosa a Brembilla, chiusa lunedì alle 17 a causa di una frana. A dichiararlo il delegato grandi opere della Provincia di Bergamo Mauro Bonomelli, che stima i costi dell'intervento a 120 mila euro. Nel frattempo è stata riaperta la comunale Blello-Gerosa, ma è necessario prestare molta attenzione.

Una settimana, un tempo lunghissimo stabilito dai tecnici che hanno effettuato un ulteriore sopralluogo nella zona dello smottamento. La causa è un muro di tre metri, ancora pericolante, che deve essere messo in sicurezza tramite strumenti appositi. Intanto, il terreno continua a cedere e detriti si trascinano fino in carreggiata, invadendola più di quanto non lo sia già: la frana è caduta in un punto dove non si era mai verificato nulla prima e durante la notte lo smottamento non ha accennato a fermarsi. Prima della riapertura della strada, sarà necessario infatti anche ripulire l'enorme quantità di massi, terra e alberi scivolati, un lavoro molto complesso. Si parla di tre giorni di lavori indicativi, affidati prima all'impresa Midali che provvederanno a fare disgaggi e poi all'impresa Salvi, che si occuperà di posizionare le reti.

Per tamponare i disagi, è stata riaperta la strada comunale Blello-Gerosa, chiusa da due settimane per lavori di messa in sicurezza in seguito ad un'altra frana. Questo percorso alternativo permette un collegamento fra gli abitati, ma è necessario prestare attenzione e procedere lentamente, poiché sul tragitto sono presenti diverse strettoie, motivo per cui è poco adatta ai mezzi pesanti.

“Abbiamo una strada che non è percorribile: da un lato un ponte che non supporta camion grossi, il ponte Bailey fra Gerosa e Peghera, dall'altro la strada di Blello, stretta e tortuosa – ha spiegato Alvaro Ravasio, titolare di Casarrigoni, azienda di stagionatura formaggi di Peghera a L'Eco di Bergamo – Non abbiamo mezzi nostri perché abbiamo terziarizzato il servizio e le ditte si rifiutano o fanno storie”. Se residenti, studenti e pendolari stanno subendo diversi disagi, anche le aziende dei formaggi infatti ne stanno soffrendo, dal momento che i loro mezzi non possono raggiungere in alcun modo Brembilla o Peghera. “L'amarezza è tanta, perché ci sentiamo lasciati indietro dagli enti che dovrebbero venirci incontro” ha concluso Ravasio.



Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Luglio 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

    








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph