San Pellegrino mette all'asta l'ex albergo Vetta, a pochi mesi dalla riapertura della funicolare

Eleonora Busi 26/03/2019 1 commenti

A pochi mesi dalla definitiva riapertura della funicolare di San Pellegrino Terme, il Comune mette all'asta lo storico Albergo Vetta. Non è la prima volta che il centro termale brembano punta sull'intervento di privati per rilanciare i propri edifici storici: all'attivo altri due bandi, uno per la ricerca di gestori delle due ex-stazioni ferroviarie e l'altro per Villa Giuseppina – futura sede del Nuovo Centro Termale Sanitario. Per non parlare della "messa in vetrina" del Grand Hotel durante la fiera internazionale del MIPIM dal 12 al 15 marzo.

L'ex albergo, situato nell'omonima località Vetta – punto di arrivo della funicolare – ha il vantaggio di trovarsi in una zona tranquilla, offrendo un meraviglioso scorcio della valle e del paese. Lo storico edificio liberty sorge su due piani e sul lato est, verso la vallata, è presente una terrazza semicircolare, collegata alla veranda del lato nord tramite due aperture. La base d'asta è stabilita a 547,480 euro, il cui 10% (ovvero 54,750 euro) sarà da versare come cauzione provvisoria, restituita nel caso di non aggiudicazione dell'asta. Chi concorrerà dovrà impegnarsi ad effettuare interventi di messa in sicurezza dello stabile, oltre che di pulizia delle zone vicine, prima che la funicolare effettui il suo primo viaggio – nell'estate di quest'anno, dunque. Entro la fine dell'anno, invece, il vincitore dell'asta dovrà presentare un progetto di planimetria urbanistica per la sua valorizzazione.

Il termine ultimo della presentazione delle domande per i futuri compratori è stabilito al 24 aprile, data entro cui chiunque fosse interessato dovrà spedire la propria offerta economica. L'asta vera e propria sarà invece istituita pubblicamente venerdì 26 aprile alle ore 10, presso la sede del Comune di San Pellegrino. In quell'occasione verranno rese note tutte le offerte ricevute e verrà formata una graduatoria con la proclamazione provvisoria del 'vincitore' dell'asta.

Una luce di speranza, dunque, per un edificio dal valore storico ed artistico inestimabile, che potrebbe ritornare al suo vecchio splendore in concomitanza con la riapertura della vicina funicolare.



Seguici su tutti i nostri canali social


(Fonte immagine in evidenza: montagneepaesi.com)

COMMENTI

anonimo 31/05/2019

ERA ORA!!!!! Finalmente, i tanti turisti (e non solo coloro che usufruiscono delle cure termali), che arriveranno a San Pellegrino, troveranno un'impianto funicolare "rimesso a nuovo", con le 2 stazioni, a valle, ed a monte, riportate "all'antico splendore", ed a quello stile "LIBERTY" che caratterizza tutto l'apparato edilizio di San Pellegrino, primo tra tutti il Grand Hotel, che, finalmente, grazie all'interessamento del Gruppo Percassi, il presidentissimo della DEA, il quale ha "firmato" anche il nuovo stadio dell'Atalanta, dicevo, il Gruppo Percassi, ha deciso di riportare "ai fasti del 900" lo storico albergo di San Pellegrino. Insomma... tutto questo, per un rilancio di San Pellegrino ALLA GRANDE!!!!

Lascia un commento





Luglio 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

    








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph