BREAKING NEWS

Strozza, disagi e code per i lavori di allargamento della provinciale, Todeschini: ''Ho chiesto di verificare la taratura del semaforo''

Redazione 08/10/2018 0 commenti

Lunghissime code e disagi per via dei lavori di allargamento della sede stradale in località Cabrozzo, a Strozza, cominciati questa mattina, lunedì 8 ottobre. I lavori sulla strada provinciale SP14 (Almenno San Salvatore-Sant'Omobono Terme), all'altezza di Strozza, hanno generato un vero e proprio effetto "domino" andando a creare intasamenti fino alla Villa d'Almè-Dalmine, all'altezza di Valbrembo.

Molte le lamentele (social e non) da parte dei valdimagnini, la maggior parte dei quali chiede che i lavori vengano eseguiti lontano dalle fasce orarie di punta (quando molti valligiani scendono per lavoro la mattina, o rientrano la sera), come, ad esempio, la sera dopo le 20/21. 

Dal profilo Facebook arriva la risposta del consigliere provinciale Demis Todeschini, che scrive: "So che in questo momento ci sono dei disagi pesanti sulla Sp14 in direzione Valle Imagna a causa dei lavori di allargamento della sede stradale in località Cabrozzo. Sono in stretto contatto con l'ufficio viabilità per verificare la taratura del semaforo. Chiedo a tutti gli abitanti della valle di portar pazienza per alcuni giorni di assestamento per questa opera di fondamentale importanza che renderà l'accesso alla nostra valle più ampio e sicuro. Grazie per la collaborazione e scusate per il disagio. Ad ogni modo chi ha avuto responsabilità per i disagi di oggi sarà chiamato a dare delle spiegazioni​".

I LAVORI -  L'intervento in questione è una riqualifica della strada provinciale SP14 per un tratto di 600 metri compresa la demolizione del cavalcavia della vecchia teleferica Italcementi in cemento armato, a pochi metri dall'ingresso in località Cabrozzo. 

Un impegno economico di 500 mila euro da parte dell'amministrazione provinciale che ha appaltato i lavori all'impresa edile Berlingheri di Colere. Lavori che avranno una durata di 4 mesi circa. Il tratto più critico è quello compreso fra il chilometro 11,800 e 12,400 (frazione Cabrozzo), dove la provinciale è larga solo 5,80 metri ed è presente una curva molto pericolosa con un significativo restringimento della strada all'altezza del manufatto in calcestruzzo (teleferica ex Italcementi). 

Sicurezza sarà dunque la parola d'ordine di questo intervento, che permetterà di allargare la strada fino a 7 metri per un tratto di 380 metri, con due corsie da 3,50 metri. La curva di cui sopra verrà completamente rivista con un raggio più ampio ed agile, e per poterlo fare il cavalcavia che fungeva da "schermo" sulla strada per il passaggio della teleferica verrà demolito. Un tempo questa struttura serviva al gruppo Italcementi per trasportare il materiale dalla cava, ma è ormai dismessa da molto anni. 

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Ottobre 2018

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

    








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph