Mulino di Baresi a Roncobello tra gli edifici valorizzati dal FAI con 'Progetto Alpe'

Eleonora Busi 20/02/2019 0 commenti

Il mondo delle Alpi, un patrimonio dell'Italia che contraddistingue tutte le regioni italiane, unite non solo dalla “genetica”, ma anche e soprattutto dai problemi: si trovano così tutte sulla stessa barca ad affrontare una crisi dell'economia della montagna, l'abbandono di pascoli e tradizioni, lo spopolamento di borghi e paesi e l'inevitabile e conseguente dissesto idrogeologico, condannando così le realtà montane ad una situazione sempre più prepotente di marginalità.

Questi ed altri i temi trattati durante il XXIII Convegno Nazionale dei Delegati e Volontari del FAI, che ha proposto per l'occasione il “Progetto Alpe. L'Italia sopra i 1.000 metri”, destinato a restaurare, valorizzare e gestire al meglio i Beni nell'Italia ad alta quota. Fra questi spicca il seicentesco Mulino di Bàresi, a Roncobello.

L'antico mulino, risalente al 1672, venne acquisito dal Fai dalla famiglia Gervasoni grazie ad una donazione di Intesa Sanpaolo nel 2005. Il fabbricato in pietra risale al XVII secolo e conserva un torchio per la spremitura delle noci, un mulino per le farine e alcune testimonianze di un forno. Dalla sua attività, decine di comunità del tempo hanno ricavato per secoli i beni primari necessari per vivere, divenendo quindi un antico punto di riferimento per l'intera Alta Valle.

VUOI CONOSCERE LA STORIA COMPLETA DEL MULINO DI BARESI? LEGGI IL NOSTRO SPECIALE.

Nel 2003, il mulino si è classificato secondo bene più votato nel censimento “I Luoghi del Cuore” bandito dal Fondo Ambiente Italiano e dopo il suo acquisto nel 2005 l'edificio è stato recuperato e restaurato, meccanismi compresi, affidandone la gestione alla comunità locale.

Il “Progetto Alpe. L'Italia sopra i 1.000 metri” del FAI è una campagna volta a sensibilizzare ed educare le generazioni presenti e future alla salvaguardia delle bellezze paesaggistiche dei nostri territori, con una attività che si prefissa a lungo termine, dalla durata almeno decennale, mirando ad acquisire una serie di Beni rappresentativi delle nostre Alpi con opere di restauro di architetture e paesaggi, ma anche ripristino di pratiche di vita e produzione secondo le tradizioni del posto.

Durante il convegno sono stati presentate anche tre ulteriori acquisizioni, il Rifugio Torino Vecchio a Punta Hellbronner sul Monte Bianco a Courmayeur (AO), le baite walser Daverio in Val d’Otro ad Alagna Valsesia (VC) e l’alpeggio Sylvenoire a Cogne (AO). Dal 2020 Il FAI aprirà anche un programma specifico di raccolta fondi rivolta a chiunque sia interessato a sostenere l’iniziativa tramite donazioni.
(Fonte immagine in evidenza: fondoambiente.it)



Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Agosto 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

 








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph