Formai de Mut, i produttori si oppongono al CETA: rischio falsificazione

Redazione 11/07/2017 0 commenti

Consorzio Produttori Formai de Mut AVB: “Ci opponiamo al CETA perché non vogliamo un mercato pieno di prodotti falsi” I 2/3 dei prodotti tipici Dop e IGP lombardi sono a rischio falsificazione

“La nostra è una produzione di nicchia e per noi la nostra identità e il nostro legame con il territorio sono strategici – dice Francesca Monaci, presidente del Consorzio Produttori del Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana DOP -; l’accordo di libero scambio tra UE e Canada è un pericolo per la nostra produzione e per il Made in Italy in generale”.

LEGGI ANCHE

Zogno sale sulla macchina del tempo: domenica 16 luglio gli antichi mestieri in centro

L'Antico Mulino di Cusio torna a macinare il masi della Val Brembana, obiettivo: preservare la biodiversità

Da un monitoraggio realizzato da Coldiretti Lombardia emerge che con il Ceta i 2/3 dei prodotti tipici Dop e IGP lombardi sono a rischio falsificazione“Abbiamo faticato tanto per ritagliare al Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana DOP un proprio spazio di mercato, puntando sulla sua tipicità e unicità – sostiene Francesca Monaci - per questo riteniamo che l’accordo CETA possa danneggiare il faticoso impegno per la tutela della materia prima, favorendo un’invasione di prodotti che non solo sono la brutta copia dei nostri ma non hanno neppure lo stesso livello di controlli e sicurezza alimentare che fanno grande il vero Made in Italy”.  

COMMENTI

Lascia un commento





Maggio 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

  








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph