BREAKING NEWS

Atalanta-Udinese 2-0, con il ''Mondo'' nel cuore verso l'Europa

Giambattista Gherardi 31/03/2018 0 commenti

Pomeriggio denso di emozioni all'Atleti Azzurri d'Italia, dove l'Atalanta ha inaugurato con un chiaro successo per 2-0 sull'Udinese (sesta sconfitta consecutiva) la serie decisiva di 10 partite che potrebbe riportare la Dea in Europa
In apertura, sugli spalti e sulle maglie, il ricordo è tutto per Emiliano Mondonico, storico condottiero dell'Atalanta europea anni '80, salutato con le note di "Io vagabondo" dei Nomadi e struggenti striscioni sotto una pioggia triste.

Gasperini deve rinunciare a due pezzi da novanta (Ilicic e Spinazzola, probabilmente i più in forma della rosa) usciti malconci dalle convocazioni in Nazionale. Cristante, De Roon e Freuler presidiano il centrocampo, Petagna la linea avanzata con Gomez utile a svariare e Gosens e Castagne di corsa sulle fasce. L'undici di partenza è Gollini, Toloi, Palomino, Masiello; Castagne, de Roon, Freuler, Gosens, Cristante, Petagna, Gomez. Rimaneggiata anche l'Udinese, soprattutto a centrocampo dove Oddo ha dovuto rinunciare a Fofana, Behrami, Halfredsson e Lasagna. In campo l'undici bianconero era composto da Bizzarri, Larsen, Danilo, Nuytinck, Zampano, Jankto, Balic, Ingelsson, Adnan,De Paul, Perica.

Nel primo tempo attacchi con le polveri bagnate, con l'Atalanta che al solito predominio territoriale, sostanzialmente sterile, unisce le sole occasioni, più sbagliate che parate, che vedono protagonisti Gomez (pallonetto) e Petagna (solo all'altezza del rigore dopo un rimpallo). Bizzarri fa buona guardia. Poco dopo la mezzora occasione per l'Udinese (che si affaccia in avanti per la prima volta): Perica dal limite trova la risposta pronta e plastica di Gollini. In chiusura di frazione monumentale occasione per De Roon: l'olandese non replica la rete decisiva di Bologna e calcia alto da buonissima posizione, dopo un cross di Goosens forse deviato. 

Nella ripresa Gasperini pigia sull'acceleratore inserendo Hateboer al posto di Castagne e l'Atalanta si conferma in cattedra, nonostante un pericoloso colpo di testa di Danilo parato dall'attento Gollini. Al 67' la svolta con spunto di Gomez sull'ennesimo corner e colpo di testa vincente sotto la nord di Andrea Petagna. Dopo meno sette minuti (74esimo) la chiude Andrea Masiello, che insacca di controbalzo un'altro scambio da corner dopo che poco prima Cristante aveva mandato fuori di poco una bella occasione dal limite.

L'ingresso di Maxi Lopez nell'Udinese non sposta gli equilibri nel finale, al punto che è l'Atalanta a dilagare negli spazi, con un'altra occasione per Freuler. Ora testa allo scontro diretto con la Sampdoria di martedí 3 aprile, sempre a Bergamo. Con il Mondo nel cuore, si punta all'Europa.

(Fonte Immagine Ansa)

Seguici su tutti i nostri canali social

TAGS :



COMMENTI

Lascia un commento





Aprile 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

     








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph