Valleve, candidato sindaco cercasi: impianti e debiti frenano i pretendenti

Eleonora Busi 01/03/2019 0 commenti

Nessun candidato sindaco a Valleve: nel piccolo paesino dell'Alta Valle Brembana, colpito lo scorso anno da una brutta vicenda di truffe e raggiri, non c'è persona che voglia prendersi un incarico civico tanto importante. A frenare i pretendenti sono due importanti problematiche che affliggono il piccolo centro brembano. La prima riguarda la stazione sciistica che è ferma da ormai tre stagioni, mentre la seconda riguarda il debito con cui il Comune deve fare i conti.

A Valleve, l'anno scorso, lo scandalo che ha messo in crisi l'intera comunità: l'ex primo cittadino Santo Cattaneo indagato insieme al collega Giuseppe Berera (ex sindaco di Foppolo), accusati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, che ha portato al sequestro delle proprietà dei due uomini e l'arresto ai domiciliari. Una brutta vicenda che ha visto lo scorso aprile lo sciogliersi del consiglio comunale, a cui è subentrato il commissario prefettizio Andrea Iannotta, un funzionario economico finanziario della Prefettura.

Per questo motivo, ancora nessuno se la sente di fare il “grande passo” per permettere a Valleve di rifiorire. “Meglio avere di nuovo un commissario prefettizio” echeggia in paese, fra cittadini ed ex amministratori. Fallimento e debiti: è da tre stagioni ormai che gli impianti sciistici di San Simone sono fermi, dopo il fallimento di Brembo Super Ski, e il Comune si trova a dover affrontare ben 1,1 milioni di euro in debiti. Dieci mesi fa, è stato messo a punto un piano ventennale di riequilibrio finanziario, non ancora approvato dalla Corte dei conti. Un grosso punto di domanda.

COME LOCATELLO NEL 2014?

Non è questa però la prima volta che in un Comune nessuno si presenti come candidato: è successo nel 2014 anche a Locatello, paese di 807 anime in Valle Imagna. Cinque anni fa, infatti, nessuna lista si era proposta in occasione dei seggi elettorali. La prefettura si era così vista costretta a nominare un commissario prefettizio, lo stesso Andrea Iannotta che oggi si trova in carica a Valleve. La stessa sorte è toccata anche l'anno successivo nel paese valdimagnino, quando nel 2015 è stato nominato un altro commissario – Francesca Iacontini – fino all'attuale Amministrazione in carica dal 2016.

Unica certezza del comune brembano è la risoluzione di un problema che si trascinava da tempo, ovvero la potabilità dell'acqua in frazione Cambrembo. Gli abitanti, infatti, non avevano accesso ad acqua potabile da mesi, con livelli batteriologici fuori da ogni limite, impossibile da utilizzare per cittadini e villeggianti. La buona notizia giunge da Uniacque, che gestirà l'acquedotto risolvendo almeno in parte una delle problematiche che affliggono Valleve.



Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Agosto 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

 








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph