Agriturismi, da Regione Lombardia 5 milioni per opere di ristrutturazione

Eleonora Busi 01/03/2019 0 commenti

Analizzare per capire e confrontare l'andamento dell'agricoltura lombarda: questa è l'indagine presentata nei giorni scorsi alla Camera di commercio di Brescia e promossa da Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia, in collaborazione con le Associazioni regionali dell'Agricoltura. L'obiettivo è confrontare i risultati delle imprese agricole lombarde nei diversi settori fra il primo e il secondo semestre del 2018.

Dopo i risultati negativi della prima metà dello scorso anno, l'agricoltura sembra essere in ripresa. I progressi migliori sono quelli ottenuti dal fatturato, spinto dalla tendenza di crescita dei prezzi di prodotti importanti nei settori agricoli e non solo che ha permesso un'evoluzione positiva di domanda internazionale, incentivando così l'esportazione che ha visto, però, percentuali meno rilevanti.

La maggiore criticità è rappresentata dal settore suinicolo, un comparto vitale che deve sventare la minaccia incombente del mercato cinese, sempre più vicino ad abbattersi su questo settore già in crisi. “Serve un piano d'azione nazionale preventivo contro la peste suina – ha commentato l'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio RolfiCome Regione Lombardia punteremo ad aiutare le aziende a valorizzare tutte le parti del maiale e non solo la coscia”. Uno degli obiettivi espressi dall'assessore è, infatti, rilanciare le Dop del prosciutto, per far sì che aumenti il mercato di esportazione di questi prodotti.

Bene, invece, il settore caseario. La Valle Brembana può vantare fra le sue file numerosi formaggi tipici, che contribuiscono a rendere illustre questo settore a livelli internazionali. Fra questi ci sono tre formaggi a Denominazione di Origine Protetta e quattro “Principi delle Orobie”. Fra i prodotti D.O.P. ci sono lo “Strachitunt” e il “Taleggio” entrambi originari dell'omonima Taleggio e il “Formai de Mut”, tipico dell'Alta Valle Brembana. I “Principi” sono invece produzioni di eccellenza frutto di realtà imprenditoriali dei nostri territori: l'”Agrì” di Valtorta, il “Branzi” dell'omonimo paese, i "Formaggi di Capra Orobica" tipici brembani e lo “Stracchino all’Antica delle Valli Orobiche”, prodotto nelle Valli Brembana, Serina, Taleggio e Imagna. Una storia ricca di gusto che non avrebbe mai potuto prendere vita senza le realtà del territorio.

A questo proposito, Regione Lombardia ha deciso di emettere un bando da 5 milioni di euro per il sostegno alla realizzazione e allo sviluppo di attività agrituristiche. Studiato nell'ambito del Piano di sviluppo rurale, questo bando andrebbe a finanziare opere di ristrutturazione, restauro e risanamento di fabbricati aziendali già esistenti da destinare ad uso agrituristico, realizzazione di impianti tecnologici, predisposizione di aree attrezzate per l'agricampeggio e la realizzazione di percorsi aziendali ciclo-pedonali e ippoturistici.

Il contributo massimo di ogni domanda sarà di 200mila euro. Un incentivo verso la futura riforma studiata dal Sistema Agrituristico lombardo che si impone di valorizzare gli agriturismi e le realtà agricole del territorio, rendendo queste strutture dei veri e propri portabandiera degli illustri prodotti lombardi.



Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Maggio 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

  








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph