Etichette su carni rosse e vino come per le sigarette? A rischio l'agricoltura bergamasca

Redazione 27/03/2021 3 commenti

Nelle campagne bergamasche la preoccupazione è tanta per la proposta avanzata dall’Europa di  tagliare le attività promozionali di carni e salumi, ma anche di prevedere la possibilità di apporre etichette allarmistiche sulle bottiglie di vino come avviene per le sigarette. Lo sottolinea Coldiretti Bergamo evidenziando come questo rischio sia  legato all’attività di prevenzione del nuovo “Piano d’azione per migliorare la salute dei cittadini europei” che non solo prevede di eliminare il vino e la birra dai programmi di promozione dei prodotti agroalimentari, ma va a colpire anche le carni rosse e quelle trasformate, che vengono associate ai rischi di tumore, per favorire il passaggio a diete vegetali.

“E’ del tutto improprio assimilare l’eccessivo consumo di superalcolici, tipico dei Paesi nordici, al consumo moderato e consapevole di prodotti di qualità ed a più bassa gradazione come la birra e il vino - afferma il presidente di Coldiretti Bergamo, Alberto Brivio - nel sottolineare che anche i limiti posti all’attività di promozione di carni e salumi rischiano di colpire prodotti dalla tradizioni secolari con un impatto devastante sull’economia, sull’occupazione, sulla biodiversità e sul territorio, dove quando una stalla chiude si perde un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di prodotti tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere, spesso da intere generazioni, lo spopolamento e il degrado”.

Coldiretti Bergamo sottolinea l’importanza di fornire ai cittadini la corretta informazione per la lotta ai tumori, ritenendo però scorre e dannoso criminalizzare prodotti come la carne e i salumi senza considerare le effettive quantità consumate .

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Per Coldiretti Bergamo le nuove politiche rischiano di colpire ingiustamente componenti fondamentali del Made in Italy agroalimentare che è l’unico settore che è cresciuto all’estero nonostante la pandemia raggiungendo a livello nazionale il valore record di 46,1 miliardi nel 2020.

La norcineria italiana – conclude Coldiretti Bergamo – è un settore di punta dell’agroalimentare nazionale grazie al lavoro di circa centomila persone tra allevamento, trasformazione, trasporto e distribuzione con un fatturato che vale 20 miliardi ma che è stato fortemente ridimensionato nel 2020 per effetto della chiusura della ristorazione che rappresenta uno sbocco di mercato importante soprattutto per gli affettati di grande qualità. Senza dimenticare il volano economico generato dal vino italiano che vale oltre 11 miliardi di fatturato lo scorso anno e offre opportunità di lavoro nella filiera a 1,3 milioni di persone.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

elleffe 29/03/2021

Assolutamente d'accordo, non avrei saputo trovare argomenti migliori . Purtroppo sembra che qualcuno si diverta a mettere i bastoni tra le ruote a chi chiede solo di poter lavorare e vivere senza bisogno di sussidi e se non è per la pandemia lo è per qualche burocrate che ha tempo da perdere, ormai è evidente il disegno preciso di azzerare le piccole attività tradizionali e commerciali a discapito di qualità e ambiente.

maja polenta 29/03/2021

E aggiungo anche e soprattutto i sacrifici di chi lavora in questo settore, gente che non ha mai pesato sulle spalle della collettività ma che si fa un mazzo dalla mattina alla sera. Capito cara Europa?

maja polenta 29/03/2021

L'ennesima idiozia partorita da chi non sa neanche cosa vuol dire stare al mondo! I nostri prodotti di qualità come carne, salumi, formaggi e vino sono prodotti genuini , frutto di sane tradizioni secolari basate sul rispetto della natura e dell'ambiente. Una cosa è certa. Chi vuole imporre certe regole assurde come questa non sa neanche lontanamente cosa vuol dire mangiar sano e in fondo mi fa quasi pena perchè immagino cosa mette nel carrello della spesa e soprattutto non conosce l'amore e la passione di chi si dedica alle attività come quella degli allevatori, coltivatori e produttori delle nostre belle vallate e montagne verso i quali dovrebbe solo lavarsi la bocca prima di decidere e parlare

Lascia un commento





Aprile 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

  








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph