Palazzago aiuta le piccole imprese del territorio: contributi fino a 2.500 euro

Eleonora Busi 06/10/2020 0 commenti

Un bando dedicato alle piccole imprese, come negozi di paese, botteghe artigiane e ristoranti, fra i più colpiti ed esposti agli effetti economici derivanti dall'emergenza epidemiologica, per sostenerle attraverso un contributo a fondo perduto fino a 2.500 euro. “Integrazione Reddito Covid-19” è il nuovo bando emesso dal Comune di Palazzago rivolto ai titolari di partite iva presenti sul territorio comunale, con l'obiettivo di iniettare liquidità affiancandosi alle iniziative Regionali e statali.

Il Comune di Palazzago – si legge nel bando – ha ritenuto opportuno prevedere a favore delle aziende operanti sul territorio un contributo economico al fine di sopperire parzialmente alle sempre minori risorse a disposizione delle stesse per la gestione di tutte le necessarie spese di conduzione della propria attività. Con l'emergenza da Covid-19 le criticità gestionali sono destinate ad amplificarsi, ma le piccole imprese restano essenziali per il tessuto economico e sociale della nostra comunità e tutti noi dobbiamo fare la nostra parte per aiutarle a sopravvivere”.

Requisiti d'accesso – Potranno fare richiesta i titolari di ditte individuali e di società presenti sul territorio di Palazzago (non è possibile richiedere il contributo se l'azienda non ha nessuna operatività sul territorio e non è accessibile a chi non dimora abitualmente nel Comune). Nello specifico, si parla di bar e attività di ristorazione, barbieri, parrucchieri, estetisti e saloni di bellezza, Bed & Breakfast, case vacanze ed alloggi turistici, artigiani, commercianti, coltivatori, società agricole, liberi professionisti come ingegneri, avvocati, medici, società costituite nella forma sociale di S.A.S., S.r.l., S.n.c., S.S. ed attività artigianali iscritte all'apposito Albo.

I richiedenti dovranno autocertificare che la propria attività sia stata aperta in data antecedente al 1 gennaio 2020, oltre ad aver necessariamente interrotto il proprio esercizio durante il periodo di lockdown da marzo ad aprile 2020. Nel caso in cui l'attività non fosse stata completamente interrotta o sospesa, deve essere stata svolta almeno in modalità notevolmente ridotta. In più, i titolari che faranno richiesta di contributo, dovranno autocertificare di non essere in stato liquidatorio o di difficoltà finanziaria, ed assicurare la continuità del proprio esercizio almeno fino al 30 giugno 2022. Nel caso di cessazione anticipata, il contributo dovrà essere restituito, proporzionandolo ai mesi effettivi di apertura.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

È un intervento che l'Amministrazione comunale ha deliberato utilizzando i fondi per contrastare le conseguenze del virus cinese – dichiara Michele Jacobelli, sindaco di Palazzago – Gli interventi che stiamo seguendo sono da un lato il sostegno, per quanto di nostra possibilità, alle imprese: a tutte abbiamo cancellato la prima rata della Tari, ed alle microimprese abbiamo riservato questo bando. Dall'altro stiamo aiutando le famiglie, continuando, ad esempio, a mantenere gratuita la retta del trasporto scolastico e ad erogare il servizio mensa nel rispetto delle nuove normative, nonostante gli aumenti di costi che questo virus causa alla nostra comunità. Questo equivale ad un risparmio mensile per le famiglie di circa 70-80 euro a bambino e riteniamo sia di aiuto”.

Contributo e modalità di accesso – La dotazione economica del Fondo messa a disposizione dal Comune di Palazzago per il bando è, complessivamente, di 50 mila euro. La somma massima assegnabile a ciascun richiedente avente diritto è, invece, di 2.500 euro. Nel caso in cui la richieste complessiva dovesse determinare un importo superiore rispetto a quello stanziato, i singoli contributi verranno rideterminati in diminuzione e proporzionati, poi, al massimale previsto (ad esempio, 25 beneficiari percepiranno 2.000 euro ciascuno invece di 2.500). Se, invece, dovessero risultare contributi d'avanzo, le somme saranno utilizzate per altri interventi di carattere sociale e di sostegno economico alle attività produttive o a cittadini colpiti dall'emergenza Covid.

La richiesta di ammissione al bando è reperibile sul sito web del Comune di Palazzago. Dovrà poi essere recapitata debitamente compilata e sottoscritta all'Ufficio Protocollo del Comune di Palazzago entro il 14 novembre 2020, in due diverse modalità: presentazione diretta all'Ufficio, nella sede di via Maggiore 17 negli orari di apertura al pubblico (accesso su prenotazione tramite la piattaforma www.prenotaunposto.it), oppure invio a mezzo PEC (da PEC a PEC) all'indirizzo comune.palazzago@pec.regione.lombardia.it. I contributi verranno poi erogati entro il 31 dicembre 2020.

L'Amministrazione comunale di Palazzago – conclude Barbara Bonomi, assessore al Commercio, Turismo e Attività Produttive – nell'ambito degli aiuti alla cittadinanza e alle imprese colpite dall'emergenza Covid, ha scelto di destinare parte delle risorse a propria disposizione al sostegno economico delle attività del territorio, affiancandole in maniera tangibile in questa fase di ripartenza. Per valutare meglio l'intervento, nei mesi scorsi è stato distribuito un questionario a commercianti ed imprenditori con lo scopo di raccogliere esigenze e conoscere l'entità delle spese sostenute nel periodo di lockdown.

Analizzando i dati raccolti è stato poi messo a punto il bando emanato in questi giorni e denominato “Integrazione reddito Covid-19”, per il quale sono stati stanziati 50 mila euro e grazie al quale le attività del territorio potranno beneficiare, se in linea con i requisiti e le condizioni richieste, di un contributo massimo di 2.500 euro. Ricordiamo che, a tutte le utenze non domestiche, è stata anche cancellata la rata di acconto della Tari per il 2020”.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Ottobre 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

 






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph