La Lombardia resta in zona rossa. Nuovo Dpcm di aprile: riaprono scuole, ancora sospese zone gialle

Eleonora Busi 26/03/2021 2 commenti

La Lombardia resterà ufficialmente in zona rossa. A confermarlo, i dati dell'ultimo monitoraggio dell'Iss. Sfuma così l'ipotesi dei cinque giorni “respiro” tanto sperati da cittadini e titolari di attività, prima della serrata di Pasqua in cui tutta l'Italia si colorerà di rosso dal 3 al 5 aprile. Pochi, in ogni caso, i cambiamenti sulla mappa nazionale: il Lazio diventerà arancione a partire da martedì, mentre la Valle d'Aosta passerà in rosso a causa dell'incidenza settimanale che ha registrato più di 250 casi ogni 100 mila abitanti.

Sono otto le Regioni che, con probabilità, resteranno rosse anche dopo Pasqua, almeno fino a martedì 13 aprile: fra le cause, oltre all'elevata incidenza dei casi che supera la soglia di rischio, anche la regola che prevede si debba stare per almeno due settimane in una fascia prima di poter cambiare in una con meno restrizioni. Chi è rosso, quindi, dovrebbe passare almeno due monitoraggi con dati da arancione per poter cambiare effettivamente colore. Fra queste otto Regioni anche la Lombardia, che ad oggi presenta 293 casi ogni 100 mila abitanti, insieme a Friuli (410), Piemonte (354), Emilia-Romagna (351), Puglia (292), Valle d'Aosta (291), Marche (284), Provincia di Trento (279) e Veneto (254).

Durante la conferenza stampa tenutasi oggi nel primo pomeriggio, al termina della cabina di regia Covid sul nuovo decreto, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha illustrato i nuovi provvedimenti e misure che verranno adottate a partire dal 7 aprile. Buone notizie per le scuole: asili nidi, elementari e prima media verranno riaperte in zona rossa dopo Pasqua. Restano invece “abolite” le zone gialle almeno fino al 30 aprile, data di scadenza dello stato d'emergenza per il quale in un secondo momento si valuterà una proroga.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Con la sospensione delle zone gialle - come è appunto emerso al termine della cabina di regia Covid sul nuovo decreto - non riaprono quindi nemmeno i bar, i ristoranti e diverse attività. Non riprendono nemmeno i cinema, i teatri o le palestre – ormai in stand-by da mesi. Restano bloccati anche gli spostamenti all'interno della propria regione e fra regioni, se non per motivi di necessità, lavoro e studio oppure per rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Per compensare alla chiusura delle attività, secondo quanto confermato dal Governo arriveranno nuovi rimborsi e sostegni, finanziati dalla richiesta di un nuovo scostamento di bilancio intorno al 10 aprile. La linea dura adottata dai ministri, che varrà almeno fino al 30 aprile, ha come scopo quello di contenere ulteriormente la curva dei contagi in previsione di graduali riaperture nel mese di maggio.

Seguici su tutti i nostri canali social

(Fonte: repubblica.it)

Photo Credit: Dipartimento della Protezione Civile-Presidenza del Consiglio dei Ministri via Wikimedia Commons.

Licenza Creative Commons CC BY 2.0

COMMENTI

Riccardo brianzoni 28/03/2021

Ridicolo spero che il popolo capisca cosa lo stato sta sbagliando e lo detronizzi...... prima o poi i deboli li scanneranno tutti. Aggiungerei vergogna per come questa crisi ( voluta ) sta venendo gestita....il conto prima o poi arriva sempre

Petruzzellis rosaria 27/03/2021

Buongiorno scusatemi tanto vorrei notizie sul reddito di emergenza ho solo 211 euro sul conto non lavoro e vorrei sapere quando arrivano se arrivano le rate promesse io le prendevo mi arriveranno in automatico? Vi prego di darmi una risposta grazie

Lascia un commento





Settembre 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

   




Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph