ASST Papa Giovanni: ''Il futuro dell'ospedale di San Giovanni non è in discussione''

Redazione 07/08/2021 1 commenti

Dopo l'accesa manifestazione di oggi, arriva puntuale la risposta di ASST Papa Giovanni XXIII a mezzo comunicato stampa. Gli investimenti sull’Ospedale di San Giovanni Bianco - si legge nel comunicato stampa - sono continui e declinati su progettualità specifiche, non con finalità di depotenziamento, ma di messa in sicurezza ed efficienza.

La risposta sul futuro del presidio, al centro delle preoccupazioni della valle Brembana, arriva dal bilancio e dagli importanti investimenti dedicati all’Ospedale di San Giovanni Bianco - prosegue il comunicato - che garantiscono non solo il mantenimento, ma lo sviluppo di quei servizi di cura previsti per un ospedale di base in zona disagiata (come definito dal DM 70/2015) con indicazioni che hanno l'obiettivo di favorire l'erogazione di cure appropriate e sicure, la definizione della rete di offerta ospedaliera, concentrando competenze di alta specialità nei centri nei quali sono presenti i servizi e le discipline in base ad un loro adeguato funzionamento negli altri presidi ospedalieri.

Ciò che conta - spiega il direttore generale dell’Asst Papa Giovanni XXIII Maria Beatrice Stasiè guardare al futuro e alle reali esigenze della valle: un pronto soccorso efficiente e coordinato con Bergamo con l’emergenza garantita anche dalla presenza di notte del rianimatore del 112 o di Areu e dell’auto medica di Areu. E una medicina sviluppata. Lo si è visto in periodo di Covid. Occorre guardare alle priorità e alla sicurezza”.

La difficoltà a reperire il personale al Pronto Soccorso è stata risolta con la rotazione dei medici del Papa Giovanni XXIII; il personale sanitario presente è, pertanto, costituito da un'unica équipe in grado di gestire al meglio le emergenze e le urgenze che si dovessero verificare. “Mensilmente - aggiunge il direttore sanitario Fabio Pezzoli - si attivano in media 7 trasporti urgenti dal presidio ospedaliero di San Giovanni Bianco al Papa Giovanni XXIII per accentrare verso gli hub la gestione dei casi specialistici tempo dipendenti [infarti miocardici acuti, stroke, rotture di aneurismi dell'aorta). In Medicina Interna, dopo anni di difficoltà nel reclutare personale a lavorare nei presidi di montagna, nel mese di maggio è arrivato un nuovo specialista a cui si è aggiunta una collega rientrata da congedo. A settembre arriverà un nuovo medico dalla Nefrologia del Papa Giovanni XXIII per rafforzare il centro dialisi già particolarmente attivo a San Giovanni Bianco e, dal mese di novembre, partirà un potenziamento delle attività di chemioterapia attraverso il reclutamento di una figura specialistica esperta proveniente dalI'oncologia del Papa Giovanni XXIII. La finalità è potenziare un'attività che è opportuno resti vicina ai luoghi di residenza dei cittadini con la supervisione del Papa Giovanni”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

 

Il piano di reclutamento del personale - spiega ancora la DG Maria Beatrice Stasi – pur tra la difficoltà di reclutamento nel trovare medici disponibili a lavorare in montagna, è in continua progressione. Non ci ha impedito di potenziare l'offerta di posti letto di subacuti e ci permetterà di riprogrammare le attività di chemioterapia. Inoltre, nell’ambito dei progetti che riguardano l’istituzione di ospedali di Comunità, l’Asst ha trasmesso a Regione Lombardia un progetto per l’incremento di posti letto per attivare l’ospedale di comunità all’ultimo piano, attualmente non utilizzato, a gestione prevalentemente infermieristica, secondo le indicazioni che stanno venendo avanti su queste nuove strutture di ricovero per quei pazienti che, a seguito di un episodio di acuzie minori o per la riacutizzazione di patologie croniche, necessitano di interventi sanitari a bassa intensità clinica”.

Per l’attivazione di questa struttura, l’Asst ha richiesto a Regione Lombardia un investimento di 2 milioni di euro che andrebbe ad aggiungersi alle significative risorse che il sistema Regione sta investendo in modo continuo e con progettualità precise con finalità di messa in sicurezza ed efficienza del presidio.

Significative le risorse utilizzate per la messa in sicurezza dell’edificio, per l’acquisto di nuove tecnologie già in funzione nelle sale operatorie (una colonna laparoscopica dal valore di 75.000 euro e 4 tavoli operatori per 215.000 euro), per i lavori di adeguamento dell’impianto elettrico e di condizionamento delle sale operatorie del secondo piano (1.131.000 euro), per attrezzare l’ambulatorio di Endoscopia con una nuova colonna (180.000 euro), intercambiabile con il Papa Giovanni XXIII, per migliorare gli standard del servizio offerto, per dotare l’ambulatorio di Otorinolaringoiatria di un nuovo audiometro e impendenzometro (10.000 euro) e per acquistare letti bilancia di ultima generazione per il centro dialisi. Importanti anche gli investimenti informatici per mettere in rete con l’ospedale Papa Giovanni la Radiologia e il Laboratorio, per attivare la cartella clinica informatizzata in Medicina e per completare la farmaco-prescrizione informatizzata in Week Surgery, chirurgia e ortopedia, in linea completa con l’Ospedale Papa Giovanni.

Per quanto riguarda le attività ambulatoriali, già particolarmente presenti, è recente l’attivazione di un potenziamento della ginecologia per consentire l'effettuazione di visite, ecografie e colposcopie, oltre la gestione degli eventuali rientri dal Pronto Soccorso, l’attivazione di un servizio di odontostomatologia rivolto ai bisogni degli utenti fragili e disabili E’ inoltre intenzione dell’Asst, alla luce del miglioramento del quadro epidemiologico post Covid, di ampliare la presenza dell’ortopedico nei periodi più significativi dell'anno che prevedono un maggiore afflusso al pronto soccorso.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

nn 08/08/2021

Le montagne si spopolano anche perchè i servizi (tra i quali quelli forniti dagli ospedali) vengono spostati a valle. L'acccorpamento dei servizi, che è giustificato da logiche economiche o di efficienza interna, ha un effetto inversamente proporzionale sulla capillarità del servizio. E' uno dei casi in cui efficienza non vuol dire qualità. La qualità di un servizio deve essere misurata sulla base delle sue ricadute sul piano sociale.

Lascia un commento





Ottobre 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31









Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph