Averara avrà il suo mulino: arriverà dall'Austria e servirà per macinare le castagne in farina

Eleonora Busi 04/10/2021 1 commenti

Un mulino moderno, ma dallo stampo antico: arriverà entro fine novembre ad Averara e sarà il primo dedicato esclusivamente alla macina delle castagne, piccolo frutto autunnale particolarmente importante per il paese.

Il mulino arriverà dall'Austria, realizzato dalla ditta specializzata Osttiroler Getreidemühlen con sede a Dölsach, nel Tirolo, ed è un ulteriore passo nell'importante percorso di valorizzazione dei castagneti locali portato avanti da più di 15 anni dall'Associazione dei Castanicoltori, che ad oggi conta circa 300 soci.

Acquistato dal Comune grazie ai fondi del Gal Valle Brembana, il nuovo mulino verrà posizionato nel “Punto di guardia”, un edificio recuperato dall'Associazione all'interno del “castagneto aureo” e ora utilizzato come magazzino. “Rappresenta un'ulteriore tappa nel progetto di valorizzazione dei nostri castagneti, dalla raccolta delle castagne e ora fino alla loro trasformazione in farina – ha spiegato Mauro Egman, sindaco di Averara, a L'Eco di Bergamo – Si chiude così una filiera. E si offre a chi vorrà anche uno strumento dedicato esclusivamente a tale produzione”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

 

Un progetto che, appunto, dal 2005 ad oggi ha fatto passi da gigante nel recupero dei castagni all'interno del territorio comunale e degli antichi edifici rurali in località Cosch utilizzati un tempo dai pastori, all'interno dei quali si pensa di dare vita ad una ospitalità diffusa. Uno di questi, caratterizzato da particolari aperture, è stato eletto dai soci come simbolo del proprio impegno: al piano terra ospita il magazzino dell'Associazione, mentre al piano superiore è stato tutto predisposto per accogliere il nuovo mulino.

Le attività del gruppo dei Castanicoltori non si ferma però soltanto al recupero, ma si concentra anche alla valorizzazione della castagna, soprattutto in ambito culinario grazie all'organizzazione di eventi culturali, il più importante dei quali è la Sagra della Castagna. Sagra che quest'anno, dopo un anno di stop causa Covid, tornerà a pieno ritmo per la sua 47esima edizione sabato 9 e domenica 10 ottobre presso la località Redivo proprio dove si trova il “castagneto aureo” recuperato dai soci, e il “Punto di Guardia”. All'interno della Sagra spazio ad appuntamenti culturali, ristoro, musica e tante castagne.

Seguici su tutti i nostri canali social

(Fonte: L'Eco di Bergamo | Fonte immagine in evidenza: castanicoltoriaverara.it)

COMMENTI

Alberto 08/10/2021

??? Le castagne vanno essiccate e pelate per poterle "macinare"... E poi chi c...o macina castagne oggi? E per farlo bisognerebbe portarle (a spalla) in una baita in cima al bosco? Ma non riuscite a pensarle meglio? Bel modo di spendere i soldi pubblici.

Lascia un commento





Ottobre 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31









Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph