Ponte di Strozza, lavori e collaudo conclusi: ora si cerca una soluzione per i new jersey di cemento

Eleonora Busi 14/12/2020 1 commenti

Sono terminate nella mattinata di sabato 12 settembre le prove di carico del collaudo statico per il Ponte di Ca' Cagnisio lungo la Strada Provinciale 14 in territorio di Strozza, da luglio oggetto di lavori di riqualificazione ad opera dell'impresa Colosio di Seriate. Il cantiere era stato riaperto dopo uno stop di un anno a causa del fallimento dell'impresa edile Poloni di Alzano Lombardo, a cui era stato inizialmente assegnato il progetto.

La Poloni aveva eseguito lavori per 20 mila euro, a fronte di un intervento complessivo di 400 mila. L'impresa Colosio è intervenuta sul Ponte, lungo 32 metri e composto da tre campate, realizzando tre nuove travi longitudinali in cemento armato e una nuova soletta, nuove impermeabilizzazioni, installazione di impianti di drenaggio, nuovi cordoni e riposizionamento dei New Jersey, oltre ad una serie di opere accessorie, come la riqualificazione dei marciapiedi e la realizzazione di un sottopasso pedonale di 56 metri.

Faccio i miei complimenti all'Ufficio Viabilità, in particolar modo all'Ufficio Ponti, per aver effettuato l'intervento in tempi veramente molto rapidi e per aver preservato un ponte storico della Valle Imagna – dichiara Demis Todeschini, Consigliere provinciale – Il tema politico da affrontare ora è quello della sostituzione dei New Jersey in cemento armato con una soluzione più adeguata rispetto al contesto ambientale e naturalistico nel quale si inseriscono l'SP14 ed il Ponte”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Il precedente progetto, redatto dalla Provincia e validato da Comunità Montana e Comune di Strozza, a suo tempo aveva come obiettivo garantire la protezione dei pedoni, includendo dei New Jersey in cemento armato che “stonano” con la bella vista sul Monte Ubione e sull'intera valle. L'ultimo nodo da sciogliere riguarda perciò la loro sostituzione con un'opzione meno impattante dal punto di vista visivo: l'operazione, dal costo di 70 mila euro, verrà finanziata per metà dalla Provincia di Bergamo, mentre la Comunità Montana Valle Imagna ha già incluso nel suo bilancio 10 mila euro da destinare all'opera.

Auspichiamo che l'altro ente coinvolto, il Comune di Strozza, sia disposto a compartecipare per togliere definitivamente questi New Jersey molto sicuri, ma paesaggisticamente non consoni – conclude Todeschini –. A quel punto si concluderà un lavoro di riqualificazione estremamente bello di tutto il tratto della strada provinciale, a cui si aggiunge un intervento importante già effettuato dalla Provincia presso la curva all'imbocco della Valle Imagna, resa adeguata e bella in modo tale da garantire un ingresso armonico alla Valle. Si tratta di due interventi che ho avuto molto a cuore come Consigliere provinciale, di cui l'eliminazione del New Jersey di cemento potrebbe rappresentare la ciliegina sulla torta”.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Ruben 15/12/2020

Buongiorno quello di togliere le barriere i cemento giusto per la sicurezza ma c’è anche da mettere un autovelox sia in salita che in discesa che regoli là velocità perché li sfrecciano ad velocità folli grazie

Lascia un commento





Maggio 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph