Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

A Roncola si 'gioca alla guerra' con il paintball (anche in inverno)

A Roncola si può giocare alla guerra con fucili di plastica che sparano palline di gelatina colorata all'interno di una bellissima location immersa nel verde. In futuro il campo sarà accessibile anche ai più piccoli.
6 Aprile 2018

A Roncola si può giocare alla guerra con fucili di plastica che sparano palline di gelatina colorata all'interno di una bellissima location immersa nel verde. Stiamo ovviamente parlando del paintball, disciplina ormai molto diffusa e che richiama al campo valdimagnino appassionati da tutta la bergamasca. A credere nel progetto, nato ad aprile 2017,un gruppo di quattro ragazzi del posto.

L'ASD Roncola Paintaball è infatti composto dai tre fratelli Rota – William, 31 anni, Corinne, 33 anni, e Viviana, 21 anni – rispettivamente presidente, tesoriere e segretaria della ASD Paintball Roncola, e Karin Sangalli, 31 anni, vicepresidente.

"L' idea - spiega Karin Sangalli - nasce nel 2016 per rilanciare il nostro paese, che possiede paesaggi incredibili, monumenti storici di importanza rilevante e una cultura enogastronomica di livello Si sono sviluppate attività legate proprio al paese come una rete sentieristica segnalata di 25km che permette a tutti di vivere il territorio ,sono sorte attività private ludiche come Parco Avventura Bergamo e noi vogliamo contribuire all'offerta ludica con un' attività nuova e in forte crescita come il Paintball".

Per passare dall'idea sulla carta al campo vero e proprio è stato fondamentale l'aiuto dell'Azienda Speciale Consortile Imagna-Villa che attraverso due bandi (Bando Idee Job In 3.0 per l'ambito Bergamo Bando Idee per Valle Imagna- Villa d'Almè) ha permesso ai ragazzi di investire i circa 8.500 euro necessari per rendere adatto al gioco il terreno boschivo di proprietà (in disuso) e acquistare tutta l'attrezzatura necessaria.

"La nostra attività - continua Sangalli - sta proseguendo bene, ma deve ancora prendere piede e farsi conoscere meglio. Sicuramente il nostro punto forte è il contatto con la natura e il gioco di squadra. Alcune difficoltà le abbiamo riscontrate nella parte burocratica , proprio perché essendo un'attività nuova manca ancora una regolamentazione definita su alcuni aspetti e fra gli enti di competenza ci sono delle discordanze".

"Il nostro obbiettivo principale - sottolinea il vicepresidente - è potere sviluppare l’attività nell'intero anno, offrire un paintball in sicurezza anche nel periodo invernale. Quest'anno, nonostante la tanta neve scesa, siamo riuscii a tener aperto il campo facendo giocare i nostri ospiti in sicurezza". E il futuro? "Vorremmo ideare un campo per svolgere questa attività con ragazzi d’età compresa  tra i 10 e 14 anni e creare dei giochi ludici con marcatori depotenziati per bambini dai 7  ai 10 anni. Vorremmo inoltre sviluppare l’organizzazione di feste di compleanno a tema paintball e allestire un area pic-nic per accompagnare le partite nel periodo estivo".

Il campo di paintball a Roncola è l'unico presente in Valle Imagna e Valle Brembana e uno dei pochi nella bergamasca. Quello a Roncola è inoltre immerso in uno scenario boschivo, quindi si tratta di un campo di tipo Woodsball, grande 9 mila metri quadrati con ostacoli naturali o non naturali di vario genere, come alberi, cespugli, buche, rocce e balle di fieno. Il tutto non va assolutamente a minare la sicurezza del giocatore e l'unico edificio chiuso è una piccola stalla dove i giocatori possono depositare i loro oggetti di valore. 

Tantissime le modalità di gioco che si possono praticare: "Scorta del presidente"; "Attacco difesa" e molte altre. La più classica è sicuramente "Cattura la Bandiera" in cui due squadre devono cercare di catturare la bandiera del team avversario nella base nemica e portarla nella propria, senza al contempo perdere la propria bandiera. I giocatori colpiti stanno fermi per un minuto dopodiché rientrano in gioco.

Per info e prenotazioni contattare il numero 348.5900393. Clicca qua per andare sulla pagina Facebook ufficiale.

Ultime Notizie

Le malefatte dell'orco in Valle Brembana

Nelle leggende brembane possiamo trovare l'orco, un essere gigantesco, violento e crudele, che si cibava di bimbi sottraendoli dalle culle. Se ne andava in giro di notte, a fare dispetti ai più nottambuli o a chi doveva alzarsi presto al mattino. Bastava un nulla per agitarlo e per chiunque lo incontrasse erano guai seri.

Covid, la ricerca spasmodica dei tamponi: "Siamo sicuri che sia questa la strada giusta?"

Nelle ultime tre-quattro settimane, in concomitanza con l’approssimarsi delle feste di Natale e parallelamente al diffondersi in modo via via sempre più massiccio della nuova variante del SARS-COV2, la ricerca dei tamponi per avere diagnosi di infezione, per potersi togliere un dubbio, per essere sicuri, per entrare ed uscire da isolamenti e quarantene o per poter ottenere lasciapassare necessari alle diverse realtà della vita quotidiana è diventata letteralmente spasmodica…del tutto fuori controllo,

X
X
linkcross