Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

L'amore per i capelli ereditato dalla mamma, Giulia e il suo salone Armonia

Giulia Bettoni, 24enne di San Giovanni Bianco, ha da poco avviato la sua attività, il salone di parrucchiera "Armonia", in passato gestito dalla madre.
14 Ottobre 2020

Giulia Bettoni, 24enne di San Giovanni Bianco, ha da poco avviato la sua attività, il salone di parrucchiera "Armonia", in passato gestito dalla madre.

Ed è proprio dalla madre che Giulia acquisisce la passione per tagli e acconciature: “Mia mamma ha iniziato a lavorare a 15 anni nel negozio di suo zio a San Giovanni Bianco. Col passare degli anni ha capito che era il lavoro adatto a lei e che le avrebbe portato molte soddisfazioni. Nonostante abbia avuto tre figli, non ha mai smesso di lavorare anche se questo l’ha portata ad un grande sacrificio e fatica”, ci spiega.

“Fin da piccola ho sempre avuto la passione per i capelli. Mia mamma mi teneva in negozio con lei quando ancora non sapevo né parlare né camminare, passavo i miei pomeriggi ad ammirare mia madre che lavorava. Già quando ero bambina avevo le idee molto chiare su quello che avrei fatto nella mia vita lavorativa. Tutt'ora sono felice della scelta che ho intrapreso”, racconta Giulia.

Proprio per questa sua passione, ha deciso di frequentare il Centro di Formazione Professionale a San Giovanni Bianco e, alla fine del terzo anno, ottenuto il diploma, ha deciso di proseguire con un ulteriore anno, ottenendo in aggiunta l’abilitazione per aprire la sua attività.

“Al termine delle scuole superiori ho frequentato 4 anni di A.N.A.M (Accademia nazionale acconciatori misti), dove tutt'ora sto continuando la mia esperienza assistendo i docenti nell’insegnamento delle varie tecniche alle ragazze più giovani”, racconta con orgoglio, e poi prosegue “Il mio lavoro, grazie anche alle conoscenze che ho sviluppato in Accademia, mi ha permesso di vivere nuove esperienze, uniche e particolari. Ho partecipato varie volte alla fiera di Bergamo sposi creando acconciature alle modelle. Questo mestiere, grazie ai corsi di aggiornamento, mi permette di essere sempre aggiornata e all’avanguardia con nuovi tagli e colori”.

“Gestire un’attività da sola richiede molta responsabilità e tenacia, ma allo stesso tempo ti ripaga con grandi soddisfazioni. Ci vuole organizzazione e precisione nel gestire il tempo per ogni cliente e assecondare le loro esigenze. Inoltre non bisogna dimenticare gli aspetti amministrativi che un’attività comporta”

Gli aspetti positivi poi, come quello di vedere la cliente soddisfatta, non ha prezzo. E quelli negativi? "Sono pochi - ci rivela -, ma spesso si presentano; bisogna essere sempre solari nonostante i giorni no! È difficile capire quello che desidera la cliente, spesso è confusa e non sa quello che vuole, ma si arriva comunque a trovare un compromesso e il risultato è appagante”. Proprio per questo suo modo di vedere e affrontare le cose, Giulia non è mai stata tentata di lasciare il suo lavoro che anzi, difende con affetto e orgoglio!

Ultime Notizie

La scuola dagli anni '60 ai '90, Dorina Carrara si racconta: "La maestra deve essere una guida"

I suoi occhi hanno visto per quarant’anni generazioni di bambini della Valle Brembana crescere tra i banchi di scuola. Lo stesso sguardo attento non è mai mancato per i suoi sei fratelli, per suo marito e i loro tre figli. “Ringrazio il Cielo di avere ancora la vista, che è la cosa più importante” esordisce Dorina Carrara, 82 anni compiuti il 13 agosto, mentre legge un quotidiano in attesa dell’intervista.

Le malefatte dell'orco in Valle Brembana

Nelle leggende brembane possiamo trovare l'orco, un essere gigantesco, violento e crudele, che si cibava di bimbi sottraendoli dalle culle. Se ne andava in giro di notte, a fare dispetti ai più nottambuli o a chi doveva alzarsi presto al mattino. Bastava un nulla per agitarlo e per chiunque lo incontrasse erano guai seri.

Covid, la ricerca spasmodica dei tamponi: "Siamo sicuri che sia questa la strada giusta?"

Nelle ultime tre-quattro settimane, in concomitanza con l’approssimarsi delle feste di Natale e parallelamente al diffondersi in modo via via sempre più massiccio della nuova variante del SARS-COV2, la ricerca dei tamponi per avere diagnosi di infezione, per potersi togliere un dubbio, per essere sicuri, per entrare ed uscire da isolamenti e quarantene o per poter ottenere lasciapassare necessari alle diverse realtà della vita quotidiana è diventata letteralmente spasmodica…del tutto fuori controllo,

X
X
linkcross