Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Hilary Erba, la giovane bandiera del Lemen Volley: ''La passione di mio padre il mio riferimento''

Dal mini volley fino alla B2, diciannove stagioni con la stessa maglia. Lei è Hilary Erba, schiacciatrice classe 1994 del Lemen Volley.
15 Dicembre 2018

Protagonista del nuovo numero della rubrica "Campioni delle Valli" è Hilary Erba, schiacciatrice classe 1994 del Lemen Volley, società nata dalla fusione tra la Pallavolo Almenno San Bartolomeo e l'Almennese Volley. Hilary, da buona almennese doc (è di Almenno San Bartolomeo, per la precisione), milita nel Lemen Volley da ben diciannove stagioni - dal mini volley  fino alla B2 - diventandone di diritto una vera e propria bandiera.

Come nelle più classiche delle storie sportive, anche quella di Hilary parte da lontano, da una forte passione coltivata in tenerissima età. Anche se la sua prima esperienza sportiva non è stata la pallavolo.  “Da bambina – ci racconta la giovane schiacciatrice – iniziai con la danza, ma sin da subito mi resi conto che non faceva per me. I cartoni animati di Mila & Shiro e la passione di mio padre, presente in società al Lemen Volley praticamente dalla sua fondazione, mi spinsero a provare con la pallavolo, una passione oggi alla quale difficilmente potrei mai rinunciare".

Hilary Erba è la prova che nonostante una società locale come il Lemen Volley abbia negli anni alzato significativamente l'asticella, c'è ancora spazio per le ragazze almennesi più talentuose, che con sacrificio e forza di volontà possono ambire ad arrivare in prima squadra, che quest'anno milita nel campionato di B2, non poi così lontano dal mondo professionistico. “Fin da piccola seguivo le partite della prima squadra – spiega Erba –, sognavo di poter giocare a quel livello. I sacrifici sono stati molti, è servito tanto allenamento ed una forte determinazione ma il sogno si è poi avverato. È quasi superfluo dire che rappresentare il paese nel quale sono cresciuta per me è un motivo di grande orgoglio”.

Lo scorso anno il Lemen Volley ha sfiorato la promozione in B1, dimostrando di essere una squadra assolutamente competitiva. Quest'anno la fortuna non sembra invece essere dalla parte delle ragazze di mister Dall'Angelo, in ritardo per quanto riguarda un piazzamento in zona playoff. “La stagione è ancora molto lunga, non siamo nemmeno al giro di boa di questo campionato – osserva Erba -. I tanti infortuni ci hanno penalizzate ma non dobbiamo assolutamente demoralizzarci. Abbiamo una rosa molto giovane ma assolutamente agguerrita e di qualità, siamo inoltre molto fortunate nell'avere uno staff tecnico di altissimo livello che crede profondamente in noi giocatrici e, cosa non meno importante, una società sempre presente che mai ci fa mancare il suo sostegno. L'obiettivo oggi è quello di crescere soprattutto a livello mentale, condizione fondamentale per poter uscire da questo momento certamente poco positivo sul piano dei risultati”. Obiettivi per il futuro? “Non si discostano da quelli della squadra, il mio obiettivo è quello di migliorarmi sempre stagione dopo stagione”.

Tra una schiacciata e l'altra la giovane Hilary si dedica allo studio, e proprio di recente si è laureata all'Università degli Studi di Milano-Bicocca in Terapia della Neuro e Psicomotricità dell'età Evolutiva. " Intervengo nella prevenzione, abilitazione e riabilitazione in età precoce, pediatrica ed Evolutiva quando sono presenti atipie, ritardi o disturbi dello sviluppo - ci racconta Hilary Erba -. Lavoro quindi con quei bambini che hanno delle difficoltà psico e/o neuromotorie, promuovendo l'evoluzione dei comportamenti atipici. Da grande io farò questo! Oltre che continuare a coltivare la mia passione per la pallavolo".

Ultime Notizie

Gnocchi di zucca e amaretti dell'Hotel Miramonti

Nuova puntata della rubrica "Sapori in Valle" con un'altra ricetta firmata Hotel Miramonti. Questa volta scopriamo come vengono preparati i gnocchi  di zucca e amaretti nelle cucine dell'albergo di Rota d'Imagna.

La scuola dagli anni '60 ai '90, Dorina Carrara si racconta: "La maestra deve essere una guida"

I suoi occhi hanno visto per quarant’anni generazioni di bambini della Valle Brembana crescere tra i banchi di scuola. Lo stesso sguardo attento non è mai mancato per i suoi sei fratelli, per suo marito e i loro tre figli. “Ringrazio il Cielo di avere ancora la vista, che è la cosa più importante” esordisce Dorina Carrara, 82 anni compiuti il 13 agosto, mentre legge un quotidiano in attesa dell’intervista.

X
X
linkcross