Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

71 milioni ai Comuni bergamaschi per opere green: a Blello 666 euro a residente

Nuovi fondi in arrivo dal Governo a beneficio dei Comuni della bergamasca: ben 71,2 milioni di euro sul quinquennio. A Blello, soltanto 75 abitanti in Valle Brembilla, arriveranno 666,6 euro a residente.
4 Febbraio 2020

Nuovi fondi in arrivo dal Governo a beneficio dei Comuni della bergamasca: è recente la conferma dei 14 milioni e 249 mila euro stanziati per il 2020, garantiti anche per i successivi anni – dal 2021 al 2024. Un totale, quindi, di ben 71,2 milioni di euro che verranno distribuiti ai Comuni bergamaschi in base alla popolazione residente al 1 gennaio 2018.

Fino a 5 mila abitanti, il contributo annuo sarà di 50 mila euro – 167 i paesi – da 5.001 a 10 mila sarà invece di 70 mila euro. Fino a 20 mila la cifra sale a 90 mila euro, ai Comuni fino ai 50 mila abitanti arriveranno 130 mila euro mentre Bergamo (fino a 250 mila abitanti) riceverà 210 mila euro. In Valle Brembana si riceveranno complessivamente 1,87 milioni di euro – 36 Comuni sotto i 5 mila abitanti più Zogno, nella fascia fino a 10 mila; in Valle Imagna invece arriveranno 790 mila euro, 13 i Comuni sotto i 5.000 più i due Almenno che si trovano nella fascia superiore.

Si tratta di opere prevalentemente di efficientamento energetico che gli edifici di proprietà pubblica, l'illuminazione pubblica e l'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Interventi “green”, che vanno ad affiancarsi a quelli mirati allo sviluppo territoriale dei paesi grazie alla possibilità di intervenire scuole, edifici pubblici e patrimonio culturale per una serie di lavori su adeguamento e messa in sicurezza e l'abbattimento di barriere architettoniche. Condizione? Che i lavori partano entro il 15 settembre, pena la revoca dei fondi.

Con il riparto dei 500 milioni annui che la Legge di bilancio ha stanziato tra il 2020 e il 2024 – ha commentato il viceministro all’Economia Antonio Misiani tutti i Comuni, compresi quelli bergamaschi, sanno che per i prossimi cinque anni potranno contare su questi contributi. La misura favorisce i piccoli Comuni, ed è finalizzata ad accelerare il più possibile la realizzazione di opere pubbliche per l’efficientamento energetico e lo sviluppo sostenibile. Per i Comuni bergamaschi questo fondo vale oltre 14 milioni annui, per un totale di quasi 72 milioni nel prossimo quinquennio. È la testimonianza della volontà del governo di spingere sugli investimenti pubblici, orientandoli verso l’ambiente e l’efficienza energetica”.

La grossa cifra di fondi arriverà anche in Valle Brembana. Fra i Comuni beneficiari c'è anche Blello che, oltre ad essere uno dei 167 Comuni bergamaschi sotto i 5 mila abitanti, ospita soltanto 75 residenti. La matematica è fatta: in proporzione alla sua popolazione, Blello otterrà ben 666,6 euro pro capite. Nei mesi scorsi in paese aleggiava l'idea di una possibile fusione con Berbenno – con il quale condivide il parroco – e Val Brembilla. “Ma prima devo realizzare le opere con i finanziamenti che sono arrivati al nostro di Comune – ha spiegato il sindaco Luigi Mazzucotelli, in carica dal 2017, a L'Eco di BergamoPoi si ragionerà di eventuali fusioni”.

Con i 50 mila euro previsti dal finanziamento, il primo cittadino ha già in programma una serie di interventi. “Sistemare curve molto pericolose, possiamo mettere barriere e reti paramassi in via Marco Polo, viale Giulio Cesare, via Dante Alighieri, tutte strade comunali – ha affermato Mazzucotelli – Speriamo poi che la Provincia metta in sicurezza la sua strada disastrata, che da Berbenno porta a Blello: il presidente Gafforelli ce l'ha assicurato”.

Metteremo poi in sicurezza la strada nuova che porta alla chiesa – ha proseguito il sindaco, riferendosi ad un intervento iniziato nel 2019 da via Papa Giovanni e che proseguirà grazie a 900 mila euro in arrivo dal Ministero dell'Interno – Ci sono barriere di legno che non sono a norma, c'è il muro di 200 metri dietro la chiesa crollato, da sistemare. Il mio sogno era realizzare un parco giochi, ma le urgenze sono altre. Qui i contributi che arrivano, noi li usiamo tutti per le strade”.

(Fonte: L'Eco di Bergamo)

Ultime Notizie

Ospedale Papa Giovanni XXIII a Superquark con la terapia genica

E' andato in onda nella puntata speciale di sabato 13 agosto il servizio che la redazione di Superquark ha girato nelle scorse settimane all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo con protagonista Gaia, la prima paziente al mondo curata con successo dalla sindrome di Crigler-Najjar.

X
X
linkcross