Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

La Cornabusa accoglie i ciclisti, domenica 4 agosto il primo cicloraduno

Domenica 4 agosto la Cornabusa accoglie e omaggia i tanti ciclisti da tutta la provincia (e non solo) che nel weekend salgono numerosi in Valle Imagna, e fanno tappa al santuario mariano.
27 Luglio 2019

Domenica 4 agosto la Cornabusa accoglie e omaggia i tanti ciclisti da tutta la provincia (e non solo) che nel weekend salgono numerosi in Valle Imagna, e fanno tappa al santuario mariano.

Gruppo Ciclistico Valle Imagna e Santuario Madonna della Cornabusa organizzano infatti il primo "Cicloraduno". Ore 9.15/9.25 ritrovo partecipanti sul sagrato della grotta, ore 9.30 Santa Messa dedicata ai ciclisti presenti. A seguire solenne benedizione con bacio reliquia della Madonna e di San Giovanni XXIII. All'uscita dalla grotta, ad ogni partecipanti omaggio, a ricordo, da parte del Gruppo Ciclistico Valle Imagna

"Il Santuario della Cornabusa - dichiara don Alessandro Locatelli, parroco di Selino Basso, Cepino e rettore della Cornabusa - è meta predilette di ciclisti che, soprattutto la domenica, affrontano la salita impegnativa. Io personalmente ho provato a salire, ma solo con la pedalata assistita ce l'ho fatta - scherza il parroco -. Ci è sembrato bello allora dedicare un momento tutto per i ciclisti, organizzando il primo cicloraduno. Per loro ci sarà un'accoglienza, la celebrazione alle ore 9,30 e poi una benedizione tutta particolare".

Ricordiamo inoltre che il 31 agosto si svolgerà il Pellegrinaggio notturno da Sotto il Monte alla Cornabusa, giunto quest'anno alla sua quinta edizione. Partenza ore 22.00 da Sotto il Monte, Giardino della Pace, e arrivo domenica 1 settembre ore 7.00 al Santuario della Cornabusa. Durante il percorso saranno proposti brani di riflessione e momenti di preghiera. Rientro a Sotto il Monte con servizio pullman. Il pellegrinaggio si farà anche in caso di pioggia

Il percorso, di 30 Km, è la strada che Angelo Giuseppe Roncalli percorreva d’estate per raggiungere il santuario della Cornabusa, a piedi nella salita alla grotta. Un appuntamento al quale fu fedele fino all’agosto del 1958, prima di entrare in Conclave. Era per lui la sosta non solo in un luogo particolarmente affascinante dal punto di vista naturalistico, ma la sosta nel mistero della creazione: “… E’ il Santuario più bello che esista, perché non l’ha fatto la mano dell’uomo, ma Dio stesso”.

Articoli Correlati

Primo Rally Valle Imagna firmato Marco Colombi e Angelica Rivoir, tra neve e colpi di scena

Decima vittoria in carriera per il pilota di Presezzo Marco Colombi che dopo aver preso la leadership in Ps1 l’ha persa nella successiva per un’errata scelta di gomme salvo poi riconquistarla dalla Ps3 e senza più lasciarla. A podio Spataro e Bondioni. Gara condizionata dalle avverse condizioni meteorologiche che hanno costretto gli organizzatori ad accorciare la Ps Corna Imagna e a sospendere la Ps3 Berbenno.

X
X
linkcross