Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Sant'Omobono, piazza Nani Frosio cambia look: alla (nuova) minoranza non piace

Piazza Nani Frosio a Sant'Omobono si rinnova, un progetto che darà maggiore ordine e sicurezza e che prevede anche un parcheggio e un'area pedonale di 700 mq.
11 Febbraio 2019

Piazza Nani Frosio a Sant'Omobono Terme si rinnova con un restyling che, secondo l'Amministrazione comunale, sarà in grado di dare a tutta l'area maggiore sicurezza e ordine urbanistico sia per pedoni che per automobilisti.

Il progetto prevede un parcheggio (ridotto rispetto a prima, dove si contavano più di 20 parcheggi), un'estesa area pedonale di 700 mq realizzata con una pavimentazione in massello auotobloccanti e drenanti di color grigio pietra per simularne l'aspetto e, infine, un ampio ingresso per permettere l'ingresso al percorso vitae accanto dell'ufficio turistico IAT, realizzato in calcestruzzo drenante.

“L'area parcheggio è inferiore rispetto a prima, ma abbiamo recuperato un nuovo spazio di manovra e creato un solo accesso da via Elia Frosio, migliorando la sicurezza – ha dichiarato l'assessore alle Opere Pubbliche Gianluca PesentiCon questa riqualificazione tutto diventerà più ordinato ed elegante.”

La nuova area che diventerà parcheggio, a lato ovest frontalmente rispetto alla banca, vedrà la realizzazione di 16 posti auto (contro i più di 20 precedenti), due per disabili. L'opera è costata circa 150mila euro, dei quali l'80% finanziato dalla Regione Lombardia a fondo perduto.

“Questa è un'opera centrale rispetto al paese e all'intera valle – sottolinea Pesenti – Storicamente la piazza ha avuto diverse funzioni, da parcheggio a spazio per mercatini, a transito pullman e molto altro. La nostra idea era quella di darle un'identità di 'centro'”.

Rientrante nel secondo lotto dell'intervento anche la possibilità della realizzazione di un sottopasso grazie al quale si potrà imboccare la ciclopedonale in sicurezza senza dover passare per la strada provinciale. L'obiettivo prevede anche l'apposizione di elementi di arredo urbano, come grossi vasi spostabili, senza realizzare elementi d'ingombro come fontane o statue, mentre lo IAT verrà tinteggiato di grigio-bianco e la pensilina del pullman si “snellirà” in uno stile minimal.

Proprio questi ultimi non entreranno più nella piazza, dove si potevano creare situazioni pericolose, andando così a cambiare il transito attuale. “Si è discusso in questi giorni di fare in modo che i bus, per fare la sosta, scendano nel parcheggio dell'area del centro sportivo, evitando affollamenti inutili” ha precisato l'assessore Pesenti.

L'intervento, che vedrà la luce entro fine marzo-inizio aprile, non piace alla minoranza: quest'ultima, nata l'11 gennaio scorso a seguito della rottura all'interno del Consiglio Comunale e rappresentata dai consiglieri Demis Todeschini, Lino Mazzoleni, Simone Dolci e Sergio Invernizzi, ha dichiarato che “L'opera non è stata condivisa con il consiglio e tantomento valutato i pareri della cittadinanza. Questa è una questione di metodo,”

“In merito – dichiara Simone Dolci – notiamo una riduzione dei posti auto che non favorisce le attività economiche prossime alla piazza. Criticità simile che si riscontra con la mancata opportunità di ricavare dei posti auto davanti alla scuole medie.”


 

Articoli Correlati

Papa Giovanni XXIII, chirurgia robotica estesa al trattamento del tumore del colon

Ultimato l’addestramento dei chirurghi, il robot dell’Ospedale di Bergamo è ora utilizzato per la rimozione del tumore del colon. Con l’introduzione della Chirurgia 1 addominale-toracica come terza Unità operativa coinvolta dopo la Urologia e la Ginecologia, il Papa Giovanni anticipa le direttive di Regione Lombardia che chiede agli ospedali dotati di robot di estenderne l’utilizzo a partire dal 2022.

X
X
linkcross