Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

A Mezzoldo (ri)apre Ol Bütighì: tre giovani fratelli e la voglia di provarci, nonostante tutto

Mezzoldo chiama e qualcuno (per fortuna) risponde. L'unico negozio di alimentari del paese ed il bar hanno trovato un nuovo gestore, dopo la chiusura per motivi personali del precedente proprietario.
26 Aprile 2021

Mezzoldo chiama e qualcuno (per fortuna) risponde. L'unico negozio di alimentari del paese ed il bar hanno trovato un nuovo gestore, dopo la chiusura per motivi personali del precedente proprietario.

Al bando emesso dall'Amministrazione comunale nel mese di marzo hanno risposto (insieme ad altre tre proposte) tre giovani della Valle Brembana, già proprietari della gastronomia “La Pignatta” di Lenna, che si sono aggiudicati la gestione per il triennio 2021-2024, rinnovabile, al canone di 1.000 euro all'anno: sono i tre fratelli Giupponi Filippo, 26 anni, Sara di 33 anni e Lucia, di 37 anni.

Si chiamerà “Ol Bütighì” e la sua attività è già ripartita da qualche giorno, mentre per il bar si attenderà la stagione estiva con la prospettiva – zona gialla permettendo – di aprirlo anche nelle ore serali per partecipare in maniera attiva alla vita del paese e alle sue manifestazioni.

 

723 banner adv trony - La Voce delle Valli

Abbiamo deciso insieme di partecipare al bando – ha spiegato Lucia Giupponi, intervistata da L'Eco di Bergamo – e preso in gestione questo bar-alimentari. È un'occasione che ci è sembrata buona e avendo noi anche più persone che lavorano nella gastronomia di Lenna, ci sembrava anche economicamente fattibile avere un altro negozio, garantendo di poter fare un buon servizio. E poi è un periodo in cui investi o chiudi, e noi abbiamo scelto di investire nella nostra terra”.

Ad aiutare i tre nuovi gestori ci saranno alcune ragazze già parte del personale della gastronomia a Lenna e la fidanzata di Filippo, anche lei giovanissima (23 anni). Grazie all'intraprendenza dei tre giovani, resterà così aperto uno dei punti di riferimento della comunità di paese, in un positivo moto controcorrente in grado di frenare – almeno un poco – l'inevitabile tendenza allo spopolamento che il territorio montano sta vivendo.

(Fonte: L'Eco di Bergamo)

Ultime Notizie

X
X
linkcross