Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

A S.Pellegrino e Zogno si riparano i danni della piena di ottobre: quattro interventi

La piena del fiume Brembo di inizio ottobre ha lasciato dietro di sé una serie di danni, in particolare a Zogno e a San Pellegrino Terme, che ora ci si accinge a riparare.
17 Novembre 2020

La piena del fiume Brembo di inizio ottobre ha lasciato dietro di sé una serie di danni, in particolare a Zogno e a San Pellegrino Terme, che ora ci si accinge a riparare. L'intervento nel centro termale riguarda la ricostruzione del muro distrutto dal fiume in via Belotti, nei pressi della sede della Croce Rossa, mentre per quanto riguarda Zogno gli interventi sono tre, di cui uno già in esecuzione, localizzati in tre differenti località del Comune: lungo la pista ciclopedonale in località Derò (fra Ambria e San Pellegrino Terme) e sulle strade comunali da Ambria a Camanghè e Camenecchio a Stabello.

Il primo sarà effettuato, appunto, sotto la pista ciclopedonale della Valle Brembana, in località Derò sulla sinistra orografica della valle, dove la piena aveva eroso la scarpata facendo franare nel fiume oltre duecento metri di terreno e una parte del tracciato ciclabile, che è stato chiuso al pubblico. “L'amministrazione comunale si è immediatamente attivata, segnalando ai competenti organi regionali la situazione di forte criticità – ha spiegato Giuliano Ghisalberti, vicesindaco di Zogno, a L'Eco di Bergamo –. Lo smottamento era andato ad interessare importanti sottoservizi quali il gasdotto per l'alta valle, un tratto della rete idrica comunale di Zogno e un elettrodotto di alta tensione che corrono nel corpo della ciclabile”.

Tempestivo l'intervento di Snam per quanto riguarda il gas, di Enel per l'energia elettrica e di Uniacque per l'approvvigionamento idrico, in modo tale da garantire la continuazione dei tre servizi fondamentali. “Ora – ha aggiunto Ghisalberti – sta lavorando la Snam per il ripristino spondale e ricostruzione del corpo della strada alzaia, al fine della messa in sicurezza dei tre sottoservizi, ciascun ente per le proprie competenze, per riportare alla ripercorribilità la ciclabile”.

Gli altri due interventi zognesi saranno, invece, di competenza strettamente comunale. Il primo è localizzato sul tratto iniziale della strada che da Ambria porta a Camanghè e al Centro sportivo comunale, dove si è verificato uno smottamento fondale. L'opera, che sarà realizzata con un finanziamento di 105 mila euro regionali su istanza dell'Amministrazione, prevede l'eliminazione della falla attraverso la realizzazione di una scogliera.

Il secondo intervento sarà invece effettuato in via Camenecchio a Stabello, dove un secondo smottamento ha creato un vuoto sotto il tracciato che collega la frazione con Sedrina. Con il finanziamento regionale di 93mila euro, si procederà con la realizzazione di un muraglione consolidato con micropali infissi nello strato roccioso sottostante il corpo stradale. “Entrambe le opere sono state finanziate in tempi celeri – ha concluso il vicesindaco Ghisalberti – per cui altrettanto rapidamente si procederà alla cantierizzazione delle due opere”.

Ultime Notizie

X
X
linkcross