Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

A S.Omobono buoni spesa agli over 85 del paese: ''Un pensiero per i nonni e la loro tenacia''

Da mercoledì 21 aprile il Comune di Sant'Omobono Terme distribuirà, casa per casa, buoni spesa alimentari da 50 euro, da utilizzare presso i negozi del territorio, ai cittadini over 85 del paese.
17 Aprile 2021

Da mercoledì 21 aprile il Comune di Sant'Omobono Terme farà distribuire, casa per casa, buoni spesa alimentari da 50 euro, da utilizzare presso i negozi del territorio, ai cittadini over 85 del paese, indipendentemente dalla loro situazione economica. È quanto prevede l'iniziativa "Un pensiero per i nonni".

La residenza nel Comune di Sant'Omobono Terme deve sussistere a decorrere dal 31 gennaio 2020, data della dichiarazione dello stato di emergenza. L'erogazione dei buoni sarà effettuata  una sola volta per ciascun cittadino avente diritto.

I buoni spesa non assegnati o residui verranno attribuiti alle famiglie in difficoltà segnalate dall'Assistete Sociale del Comune. I buoni saranno spendibili fino al 31 maggio 2021. Saranno utilizzati i buoni spesa acquistati per il progetto "Un piccolo aiuto per la tua spesa" e non assegnati per l'importo di 7.090 euro. 

"In questo anno di emergenza sanitaria determinata dalla diffusione del Covid  - dichiara l'assessore alle Politiche Sociali, Catia Locatelli - , l'Amministrazione si è impegnata a fornire un aiuto concreto alle famiglie con maggiori difficoltà economiche, alle attività operanti sul territorio ed ai ragazzi in età scolastica. Ora l'intenzione è quella di rivolgere un pensiero ai nostri anziani, che più di tutti hanno pagato il peso della solitudine e dell'isolamento.

Durante il periodo della pandemia - prosegue l'assessore Locatelli - i più colpiti sono stati proprio i nostri nonni, perché si sono ammalati, spesso sono stati ricoverati negli ospedali e alcuni ci hanno lasciato, ma hanno anche dato il loro contributo, nonostante l'età, mentre papà e mamma si dedicavano al lavoro. L'Amministrazione comunale intende riconoscere la fatica, il disagio e la tenacia che in silenzio hanno dimostrato in quest'epoca di guerra contro un nemico invisibile e feroce come il Coronavirus".

Articoli Correlati

Papa Giovanni XXIII, chirurgia robotica estesa al trattamento del tumore del colon

Ultimato l’addestramento dei chirurghi, il robot dell’Ospedale di Bergamo è ora utilizzato per la rimozione del tumore del colon. Con l’introduzione della Chirurgia 1 addominale-toracica come terza Unità operativa coinvolta dopo la Urologia e la Ginecologia, il Papa Giovanni anticipa le direttive di Regione Lombardia che chiede agli ospedali dotati di robot di estenderne l’utilizzo a partire dal 2022.

X
X
linkcross