Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

A Sant'Omobono il Comune informa i cittadini con WhatsApp

Il Comune di Sant’Omobono Terme trasmetterà via smartphone informazioni di pubblica utilità, scadenze e tanto altro.
14 Marzo 2020

Cambiano i tempi, e cambia inevitabilmente anche la modalità di comunicazione delle istituzioni che abbracciano le moderne tecnologie di messaggistica istantanea. Il 10 marzo la Giunta comunale di S.Omobono Terme, su proposta del vice-sindaco Demis Todeschini, ha infatti approvato il servizio di comunicazione istituzionale del Comune via applicazione WhatsApp.

Previa registrazione degli utenti al servizio disponibile dall’11 marzo, il Comune di Sant’Omobono Terme trasmetterà via smartphone: informazioni di pubblica utilità, scadenze, modifiche alla viabilità, eventuali stati d’emergenza, iniziative ed eventi in programma a Sant’Omobono Terme. Il servizio funzionerà in modalità “broadcast”, pertanto nessun utente potrà visualizzare i contatti degli altri utenti.

“In questo momento emergenziale - spiega il vicesindaco Demis Todeschini - abbiamo ritenuto importante rispondere alle richieste di informazione ai nostri cittadini con un servizio semplice ma efficace che consentirà loro di ricevere notizie dal Comune direttamente su WhatsApp". 

Come funziona? È sufficiente salvare il numero comunale +39 3382389090 nella rubrica del proprio smartphone ed inviare il messaggio: “ATTIVA ISCRIZIONE” e automaticamente riceverà tutte le comunicazioni future più importanti da parte del Comune. La chat testuale permette esclusivamente la ricezione di messaggi e non consente l’invio di messaggi diversi da quello di iscrizione o cancellazione. Ciò significa che scrivere messaggi al numero di cui sopra non servirà in quanto non si riceverà alcun tipo di risposta.

Articoli Correlati

Campagna anti Covid: linee potenziate a S.Omobono e S.Giovanni, nuovo hub a Zogno

Nel centro vaccinale allestito nel foyer dell’Auditorium “Lucio Parenzan” salgono a oltre 1700 le somministrazioni giornaliere grazie a una accelerazione organizzativa. Potenziate anche le linee vaccinali a San Giovanni Bianco e S. Omobono. Al vaglio l’attivazione di ulteriori linee anche a Zogno. L’Asst Papa Giovanni XXIII pronta ad erogare dal 2 dicembre il 25 per cento dei vaccini somministrati su tutto il territorio bergamasco.

X
X
linkcross