Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Attività storiche Lombarde: cinque nuovi riconoscimenti nelle valli Brembana e Imagna

In Lombardia, sono 189 le nuove attività storiche, fra cui cinque nelle valli: una in Valle Imagna e quattro in Valle Brembana.
23 Ottobre 2019

In Lombardia, sono 189 le nuove attività storiche e di tradizione sul territorio regionale individuate in seguito al completamento dell'iter di riconoscimento: di queste, 133 sono negozi storici, 47 locali e 9 botteghe artigiane, che si vanno ad aggiungere alle già presenti 1.765 imprese. La bergamasca detiene il secondo posto fra le attività riconosciute, ben 38 – appena dopo Milano che ne conta una decina in più. Anche nelle nostre Valli ci sono delle novità, con cinque nuove storiche attività, di cui una in Valle Imagna e quattro in Valle Brembana, aumentando il numero delle 22 già presenti.

L'importante riconoscimento è un attestato, che sostiene tutte le attività commerciali che abbiano una storia di almeno 40 anni, per preservarne i fattori culturali, sociali ed economici grazie anche a degli sgravi fiscali, agevolazioni ed incentivi. Grazie ad una norma approvata a febbraio, inoltre, uno stanziamento di 900 mila euro ha ampliato le attività aprendo anche alle imprese artigiane nel triennio 2019 – 2021.

In bergamasca, le nuove attività riconosciute sono 9 in città e 29 in provincia. Per la Valle Imagna, l'unico attestato è andato al negozio Merletti Fiori (1968) di Almenno San Salvatore. In Valle Brembana invece se ne contano quattro, con prevalenza per le attività di ristorazione: a Piazza Brembana la Tabaccheria Donazelli (1946), a San Pellegrino Terme il ristorante dell'Albergo Centrale (1934), a Serina il ristorante – pizzeria La Fenice (1965) ed infine a Zogno il ristorante La Staletta (1976).

Ultime Notizie

Da Milano a Genova passando per Rimini, i ragazzi dell'Istituto Maria Consolatrice tornano in gita

Dopo due anni di chiusure per la pandemia, finalmente tutti gli alunni dell’Istituto Maria Consolatrice di Cepino hanno avuto la possibilità di fare la propria gita. Nella settimana dal 17 al 20 maggio la scuola ha chiuso (parzialmente) le sue porte alla didattica in classe, per dare spazio alle uscite nel territorio vallare e italiano alle varie sezioni.

X
X
linkcross