Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Carol Parravicini e un sogno chiamato sci: la 15enne di Oltre il Colle si racconta (alle compagne di classe)

''Mio padre mi ha sempre portata a sciare sin dall'età di quattro anni, ed è lui che ha voluto che entrassi nello Sci Club''.
22 Maggio 2021

Testo scritto dagli alunni Alice Mazzoleni, Francesca Gherardi e Chiara Carrara della classe 2^BU dell'Istituto Turoldo di Zogno nell'ambito del progetto "La Voce Giovane! delle Valli".

“Mio padre mi ha sempre portata a sciare sin dall'età di quattro anni, ed è lui che ha voluto che entrassi nello Sci Club”. Inizia così la storia della quindicenne Carol Parravicini, una promettente discesista di Oltre il Colle, facente parte della categoria “Allievi”.

Dopo diversi weekend passati sulla neve, a nove anni i suoi genitori hanno deciso di iscriverla allo Sci club di Selvino, con cui ha cominciato a praticare sci a livello agonistico e dove tutt’ora si allena. Le diverse discipline sciistiche richiedono un costante impegno; perciò Carol, allenandosi quattro volte alla settimana, spesso fatica a dividersi tra scuola e sport.

Frequenta il secondo anno di Scienze Umane all’Istituto “Turoldo” di Zogno, e in proposito dice: “Non è sempre facile conciliare lo studio con gli allenamenti; cerco di organizzare al meglio la mia settimana, recuperando le lezioni perse grazie all’aiuto dei miei compagni”.

 

Nonostante le difficoltà e grazie a numerosi sacrifici, Carol è riuscita a raggiungere un obiettivo che desiderava da tempo: qualificarsi ai Campionati Italiani, a cui ha partecipato lo scorso aprile.

 “La cosa che amo di più di questo sport è la sensazione di libertà e adrenalina che provo quando sono in pista; non nego che spesso ho pensato di mollare a causa di risultati demoralizzanti, ma la passione che provo è sempre stata più forte della tentazione di lasciare”.

Carol racconta che, quando ha scoperto di essersi qualificata per i Campionati italiani, in quel preciso istante è stata travolta da un mix di emozioni tra cui gioia, paura, agitazione… ma soprattutto dal desiderio di gareggiare dando il massimo di sé. “Spero in futuro di continuare a migliorare, e magari un giorno realizzerò il mio sogno: partecipare alle Olimpiadi”.

Ultime Notizie

X
X
linkcross