Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Carona, asta deserta per gli impianti: la stagione potrebbe non partire

L'asta per gli impianti di Carona è andata, per la quarta volta, deserta. Brutte notizie per le piste e seggiovie della Brembo Super Ski – fallita nel febbraio 2017 – e per i curatori.
1 Ottobre 2019

L'asta per gli impianti di Carona è andata, per la quarta volta, deserta. Brutte notizie per le piste e seggiovie della Brembo Super Ski – fallita nel febbraio 2017 – e per i curatori Angelino, Carrara e Clemente: con la stagione alle porte, evitare un inverno senza sciatori sulle nevi dell'alta Valle Brembana pare un'impresa impossibile, ma nulla è ancora scritto. L'obiettivo del sindaco di Carona ora è di muoversi nel settore pubblico e in tempi celeri.

L'asta per gli impianti di Carona comprendeva le piste e le seggiovie Alpe Soliva, Conca Nevosa e Valgussera, tutte di proprietà della Brembo Super Ski – società dei Comuni Foppolo, Carona e Valleve. Sul tavolo c'è anche l'ipotesi di un eventuale affitto d'azienda per poter mantenere almeno la prossima stagione, ma solo se comprensivo di un'offerta di acquisto con cauzione.

Intanto, il sindaco ed i curatori si muovono in cerca di una soluzione. “Se entro venti giorni non riceveremo alcuna manifestazione d’interesse fisseremo una nuova asta a dicembre o gennaio – è stato il commento di Alberto Carrara, uno dei curatori, a Bergamonews – Dopo tre esercizi provvisori non ce ne sarà un altro. Sarebbe un grosso dispiacere se la stagione non dovesse partire, ma un esercizio provvisorio è un qualcosa di straordinario finalizzato a mantenere alto il valore degli impianti”.

In azione anche Gloria Carletti, sindaco di Foppolo, e il neo presidente della Comunità Montana Valle Brembana Jonathan Lobati, che ha convocato urgentemente i sindaci dei territori interessati per fare il punto della situazione e trovare una soluzione che sia agevole per tutti. “Lavoreremo per far incontrare tutti i soggetti coinvolti e condividere un percorso – ha commentato – anche se resta forte la preoccupazione per i tempi”.

La storia delle aste – La prima asta per gli impianti di Val Carisole risale all'11 settembre 2018. La base era 6 milioni e 954 mila euro, per un lotto che comprendeva oltre alle seggiovie anche l'impianto per la neve artificiale. Dopo un anno, nel 2019, la base d'asta è calata a 2 milioni e 600 mila euro e non è escluso che possa abbassarsi nuovamente in caso di un'ulteriore tentativo d'asta.

Ultime Notizie

Taragna per tutti i gusti a Roncola, il 2 luglio torna la Taragnafest

Dopo due anni di pausa a causa della Pandemia, torna una delle feste più attese della Valle Imagna: la Taragnafest. Primi piatti, grigliate alla brace, brasati, funghi porcini e ovviamente la taragna, regina indiscussa della festa, sono gli ingredienti fondamentali per una sagra che nei primi due weekend di luglio attirerà avventori da ogni parte della provincia.

X
X
linkcross