Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

CFG Serramenti a tutto green: impianto fotovoltaico sul tetto dello stabilimento a S.Omobono

CFG Serramenti ancora più green ed ecosostenibile. L'azienda bergamasca, leader nel settore dei serramenti, ha recentemente installato sul tetto dello stabilimento di Sant'Omobono Terme un ampio impianto fotovoltaico.
21 Maggio 2021

CFG Serramenti ancora più green ed ecosostenibile. L'azienda bergamasca, leader nel settore dei serramenti, ha recentemente installato sul tetto dello stabilimento di Sant'Omobono Terme un ampio impianto fotovoltaico per la produzione autonoma di energia elettrica, che servirà ad alimentare l'intero processo produttivo.

Un grande passo avanti per una filosofia già di fatto sposata da CFG Serramenti, da sempre attenta alla sostenibilità ambientale ed efficiente dal punto di vista energetico: già dal 2017 viene infatti utilizzata per la sede valdimagnina energia elettrica certificata proveniente da fonti 100% rinnovabili, mentre tutti gli scarti di produzione vengono attualmente conferiti a ditte specializzate nella raccolta e riciclo.

Senza contare, inoltre, la “Linea Rigenera”, una produzione che vede come protagonista il PVC riciclato. “In CFG cerchiamo di essere coerenti con la nostra filosofia green – spiega Andrea Angiolini, Responsabile Amministrativo – Inoltre grazie a questo tipo di investimento, le tecnologie attuali ci consentono di avere oltre che un beneficio ambientale, anche un risparmio dal punto di vista economico. Perciò abbiamo deciso di muoverci in questa direzione, installando un impianto importante in termini di dimensioni che ci permette di auto-sostenere la nostra produzione”.

 

I nuovi pannelli fotovoltaici vantano una potenza di 50 kWh, per una produzione annua stimata di 50.000 kWh. Dando un'occhiata ai dati eco-sostenibili, si parla di una riduzione di 19.500 kg per le emissioni di CO2: una stima che equivale a circa 600 alberi annui piantati.

L'energia che non sarà possibile autoprodurre con il solo impianto, inoltre, verrà acquistata da un gestore che fornisce energia proveniente da fonti rinnovabili. “Collaboriamo con questo gestore da anni e sono stati loro, finora, a fornire l'energia proveniente da impianti idroelettrici per la nostra produzione – spiega Angiolini – Parlando, invece, in termini economici, l'investimento di 75 mila euro: potrà essere recuperato in circa 10 anni, con un risparmio in bolletta che oscillerà mediamente fra i 7 e gli 8 mila euro annui”.

CONTENUTO SPONSORIZZATO

Articoli Correlati

X
X
linkcross