Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Cornabusa Cup, bambini protagonisti al campo sportivo di Sant'Omobono Terme

Grande presenza al primo torneo di calcio a 7 per pulcini ''Cornabusa Cup'' organizzato dalla Virtus Cepino. Ad alzare la coppa il Villa d'Almè Valle Brembana, secondo posto per il Berbenno. Medaglia di legno ai locali del Valle Imagna.
6 Settembre 2017

Nelle due settimane di festa della Cornabusa cresce, di anno in anno, il numero di manifestazioni collaterali sempre capaci di generare un importante interesse sia fuori che dentro i confini vallari. Dopo il pellegrinaggio notturno Sotto il Monte-Cornabusa, il secondo raduno degli emigranti (8-10 settembre), ora anche il torneo di calcio a 7 per bambini categoria pulcini (nati nel 2008/2009), la “Cornabusa Cup”.

LEGGI ANCHE

La Valle Imagna accoglie i suoi emigranti: secondo raduno bergamaschi nel mondo

Il torneo, che si è svolto domenica 3 settembre nel campo sportivo di Sant'Omobono Terme, ha richiamato moltissimi spettatori, oltre ai genitori dei piccoli calciatori. Delle otto squadre partecipanti – divise in 2 gironi di 4 – a portarsi a casa la coppa della prima edizione è stata la formazione del Villa d'Almè Valle Brembana, che ha avuto la meglio in finale sul Berbenno per 3 a 1. Nella finalina per il terzo e quarto posto l'ha spuntata il Real Borgogna che ha battuto 4 a 1 i locali del Valle Imagna. Nella partita valevole per il 5 e 6 posto l'Almè ha battuto per 6 a 1 contro il Cornabusa, team misto composto da bambini della valle più altri dati in “prestito” dalle altre squadre. Settimo posto per i padroni di casa della Virtus Cepino, che nel match 7/8 posto hanno vinto 6 a 0 contro la Pontegiurinese.

Assegnati anche premi individuali: miglior portiere Riccardo Capelli del Berbenno, miglior giocatore Lorenzo Manzinali del Villà d'Almè Valle Brembana e capocannoniere Andrea Locatelli del Villa d'Almè Valle Brembana.

“Pensiamo che il calcio al suo stato più puro sia quello dei bambini - spiega il direttore sportivo della Virtus Cepino, Gianelmo FrosioQuesto torneo vuole essere soprattutto un momento di aggregazione per le famiglie che possono passare una bella giornata insieme ai loro figli”.

I bambini sono il futuro ma anche il presente della Virtus Cepino: quest'anno la società non avrà una squadra dei “grandi”, come spiega il ds Frosio: “La volontà di tutto il consiglio è quella di investire sui bambini. Gli adulti purtroppo, a volte, dimostrano poco impegno. Ciò no significa che, se ci saranno i presupposti, in futuro la squadra infrasettimanale non possa tornare. Il futuro? Di comune accordo con i genitori, che sono sempre presenti e molto disponibili, il prossimo inverno con la squadra pulcini faremo una trasferta di tre giorni in Trentino Alto Adige dove andremo a fare un'amichevole con la società di Cles (Trento), la ASD Anaune Val di Non”.

“La nostra priorità – sottolinea il Presidente Dino Malighetti è di educare e far socializzare i bambini. Abbiamo imposto una certa disciplina, sia in campo che fuori dal campo. Anche se siamo una piccola realtà e una delle più giovani in valle, compiamo 20 anni proprio quest'anno, siamo riusciti a portare fuori di casa circa una quindicina di bambini. Abbiamo un'area che ci ha concesso il Comune dove in futuro vorremo realizzare il nostro campo sportivo. Il primo lotto di lavori è già partito, ma procediamo un passo alla volta”.

LEGGI ANCHE

Torneo di minigolf a Sant'Omobono: più di 100 partecipanti per testare il nuovo percorso

Articoli Correlati

X
X
linkcross