10mila euro di buoni da spendere nei negozi del paese: l'idea dei giovani di Costa Imagna

Eleonora Busi 27/05/2020 0 commenti

Un piccolo segno di speranza, segnato da tanta voglia di ripartire e di restituire al proprio paese un po' di ossigeno dopo i mesi bui dell'emergenza. Accade a Costa Valle Imagna, dove un gruppo di giovani ha deciso di rilanciare l'economia del Comune, fortemente danneggiata dal lockdown, attraverso un'iniziativa unica nel suo genere: raccogliere poco più di 10 mila euro attraverso donazioni di associazioni e privati del territorio e re-distribuirli sotto forma di buoni da 20 o 25 euro (a seconda della dimensione del nucleo famigliare) a persona, da spendere nelle attività commerciali del paese.

Il progetto, chiamato “TuttiPerTutti” è nato da un'idea di alcuni giovani del paese, che hanno collaborato attivamente con il parroco don Andrea Pedretti. “Abbiamo iniziato a pensare a cosa, economicamente parlando, potessimo fare per il nostro paese – spiega Giorgio Mazzoleni Ferracini, 30 anni e uno dei ragazzi ideatori dell'iniziativa – E così abbiamo pensato a questa idea. Inizialmente ci sembrava un obiettivo quasi irraggiungibile, ma grazie alle donazioni dei gruppi e associazioni del territorio e di alcuni privati, residenti e villeggianti, siamo riusciti a raccogliere circa 15 mila euro, molto più della cifra iniziale stimata”.

L'obiettivo, infatti, era di raccogliere poco più di 10 mila euro, abbastanza da permettere ad ogni famiglia di ricevere equamente carnet dello stesso valore. “L'avanzo lo terremo per ulteriori iniziative, sempre legate all'emergenza coronavirus – spiega Giorgio – Ad esempio per l'acquisto di mascherine per i residenti oppure per aiutare gli esercizi commerciali nell'acquisto di materiali specifici, come i dispenser”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

Come funziona l'iniziativa? Ad ogni nucleo famigliare di Costa Valle Imagna verranno consegnati dei carnet di buoni del valore di 5 euro, fino a raggiungere la cifra esatta, a persona: per le famiglie composte da 1 o 2 membri, il carnet avrà un valore di 20 euro totali, mentre quelle composte da 3 o più riceveranno 25 euro di buoni cadauno. I carnet, che avranno valore dal 15 giugno 2020 al 31 dicembre 2020, saranno spendibili per l'acquisto di prodotti o servizi (ad esclusione di tabacchi e gioco d'azzardo) presso le attività commerciali del paese, che a loro volta esporranno nel proprio negozio un simbolo per informare i propri clienti l'aderenza all'iniziativa.

Siamo fiduciosi che i cittadini sfrutteranno i buoni anche in quelle attività che negli ultimi due mesi sono state costrette a chiudere – spiega Giorgio – I buoni, inoltre, non sono nominali e quelli che verranno restituiti non andranno perduti ma, in sinergia con don Andrea, saranno re-distribuiti alle famiglie che presentano più difficoltà. È comunque una somma importante che resta sul territorio e il nostro obiettivo era dare a tutte le famiglie la possibilità di contribuire a quella che sarà poi la ripartenza del nostro paese”.

Questa non è però la prima iniziativa portata in atto dal gruppo di giovani: durante i mesi più difficili dell'emergenza, infatti, una ventina di ragazzi si è radunata per dare vita ad una sorta di “task force” che sostenesse attivamente l'impegno del parroco e del dottore del paese, aiutando quindi nella distribuzione di mascherine, consegna di farmaci e spesa a domicilio per quelle persone più in difficoltà come anziani o persone sole.

Fin dall'inizio dell'emergenza ci siamo dati da fare per portare il nostro aiuto in paese – afferma Federico Maconi, 26 anni, anch'egli residente in paese – Abbiamo consegnato mascherine, spesa e farmaci e nel periodo di Pasqua abbiamo portato a tutte le famiglie una piccola colomba realizzata dal nostro panettiere, per portare un po' di serenità in quei momenti difficili”.

La risposta che i giovani hanno ricevuto dai compaesani è stata fortemente positiva. “Sono contento del risultato, mi sono reso conto che quando c'è bisogno di dare una mano, la gente risponde – conclude il giovane – Spero che questo altruismo duri e non sia solo momentaneo. Così come spero che il nostro gruppo di giovani continui anche in futuro ad aiutare e sostenere il proprio paese”. “Noi siamo orgogliosi di quello che siamo riusciti a fare – aggiunge Giorgio – Nel nostro piccolo abbiamo portato avanti una grande iniziativa e ne siamo contenti”.

Seguici su tutti i nostri canali social

(Fonte immagine in evidenza: Carlo Vergani | Youtube)

COMMENTI

Lascia un commento





Agosto 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

      






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph