Giusi e Maura: i plogger valdimagnini a caccia di rifiuti, dai Tre Faggi al Linzone. ''Unitevi a noi''

Eleonora Busi 07/04/2021 0 commenti

In Svezia si chiamano “plogger” coloro che durante passeggiate o trekking in montagna si dedicano a raccogliere l'inciviltà altrui: sacchi neri, borse e guanti alla mano, i plogger puliscono i sentieri che percorrono, guidati dallo spirito di voler fare del bene alla natura e all'ambiente che li circonda. In Valle Imagna questa filosofia ha fatto breccia nelle abitudini di Giuseppe Personeni detto "Giusi" di Ponte Giurino, frazione di Berbenno che, insieme alla moglie Maura Todeschini, ha scelto di riservare un giorno alla settimana alla pulizia di sentieri e mulattiere della valle.

Sono sempre stato un camminatore, da quando sono in pensione ancora di più – racconta Giuseppe, che ha 63 anni – Passeggiando nelle nostre zone ci siamo resi conto che il problema dei rifiuti è immenso e non può più essere ignorato”. Da Valcava al Monte Linzone, lungo il percorso ad anello che porta ai Tre Faggi di Fuipiano Valle Imagna, sul sentiero del Passo del Pertus e fra le antiche mulattiere che collegano Bedulita a Capizzone e Ponte Giurino: Giuseppe e la moglie Maura hanno raccolto sacchi e sacchi di spazzatura di ogni tipo, dalle classiche bottiglie di vetro e plastica alle cartacce, involucri di snack, lattine, ma anche deiezioni di animali chiuse in sacchettini, cancelli, ruote e mascherine chirurgiche, nuova frontiera dell'inquinamento.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

È inciviltà e ignoranza, semplicemente – commenta Giuseppe – Chi getta rifiuti a terra o nel bosco non ha riguardo per il bene di tutti. E poi, quale biglietto da visita offri alla nostra terra, alla nostra amata Valle Imagna?”. Giuseppe non è certo nuovo a questo di attività, anzi: da anni segretario della Polisportiva Pontegiurinese, insieme ai giovani si occupa della manutenzione e pulizia del meraviglioso Monumento Naturale della Valle Brunone,che presto sarà parte del Parco dei Colli. Ora cerca supporto nella sua Valle Imagna, fra le Associazioni o i privati cittadini che vogliono condividere e portare avanti con lui e la moglie Maura questa nuova filosofia di civiltà e sensibilizzazione nei confronti dell'ambiente.

Quando ti abitui a pulire la spazzatura che trovi, una volta tornato sul percorso vedi la differenza fra come era prima e dopo il tuo passaggio. Ti si riempie il cuore, noti i fiori e l'erba: sembra quasi che la natura ti sorrida. Sarebbe interessante organizzarsi fra noi per intervenire insieme in tutti i paesi della Valle Imagna, fra privati cittadini oppure con il sostegno di Associazioni o Polisportive – è l'appello del 63enne – Così facendo si creerebbero anche occasioni di ritrovo e al tempo stesso si fa del bene alla natura. Chi ha voglia può già farlo per conto suo. Se poi ci associamo, più siamo meglio è”.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Aprile 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

  








Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph