Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Dissesto idrogeologico, il sindaco di Lenna: ''Governo, finanzia tutti i progetti di messa in sicurezza del territorio''

Il sindaco Lobati lancia una delle sue tante proposte social: chiede al Governo di finanziare tutti i progetti di messa in sicurezza del territorio presentati al bando dello scorso aprile con una finanziaria da 2,2 miliardi.
8 Novembre 2018

Dopo l'ondata di maltempo che ha colpito le nostre valli, ora il tema del dissesto idrogeologico nei nostri territori è caldissimo e tiene banco animatamente, dai social ai giornali. Ma, come sottolinea con un post su Facebook il sindaco di Lenna Jonathan Lobati, fra pochi giorni il tam tam mediatico si esaurirà e tutto tornerà sotto silenzio. Ecco allora che il primo cittadino del piccolo Comune brembano lancia una delle sue tante proposte social.

"Considerato che in questi giorni si è tornati a parlare di dissesto idrogeologico e dato che tra qualche giorno non se ne parlerà più ( come al solito) - scrive su Facebook Lobati - ho una proposta per il Governo. Lo scorso aprile i ministeri dell'interno e economia han promosso un bando per la messa in sicurezza del territorio che ha visto partecipare ben 5000 progetti per un totale di 3.9 miliardi di euro. Bene, considerato che solo 150 di questi sono stati finanziati, propongo di finanziare i restanti 4850 progetti, così dato che sono già stati inseriti negli strumenti di programmazione comunale sono immediatamente cantierabili e creerebbero tante opportunità di lavoro oltre alla risoluzione si tante situazioni di pericolo a livello nazionale. 900 milioni sono già stanziati 800 milioni sono di iva, basterebbe prevedere in finanziaria circa 2.2 miliardi. Governo, pensaci".

 

 

Ultime Notizie

Da Milano a Genova passando per Rimini, i ragazzi dell'Istituto Maria Consolatrice tornano in gita

Dopo due anni di chiusure per la pandemia, finalmente tutti gli alunni dell’Istituto Maria Consolatrice di Cepino hanno avuto la possibilità di fare la propria gita. Nella settimana dal 17 al 20 maggio la scuola ha chiuso (parzialmente) le sue porte alla didattica in classe, per dare spazio alle uscite nel territorio vallare e italiano alle varie sezioni.

X
X
linkcross