Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Festa della Repubblica, onorificenze in Valle Imagna: Personeni commendatore, Invernizzi cavaliere

Anche quest'anno non sono mancate le celebrazioni per la Repubblica. A Bergamo insignito all'onorificenza di Commendatore Carlo Personeni del BIM, mentre Cavaliere Pietro Invernizzi di Corna Imagna. COnsegnate inoltre due medaglie d'onore in Val Brembana.
3 Giugno 2019

La nostra Repubblica compie 73 anni e, come ogni anno, in occasione della sua Festa anche a Bergamo in Piazza della Libertà le celebrazioni non sono mancate. Numerose le autorità presenti ieri, domenica 2 giugno, dal prefetto Elisabetta Margiacchi al sindaco di Bergamo Giorgio Gori, al presidente della Provincia Gianfranco Gafforrelli, che hanno assistito alla consegna delle 21 onorificenze dell’Ordine al merito della Repubblica italiana, fra cui spiccano anche due valdimagnini, e delle Medaglie d’onore conferite con decreto del presidente della Repubblica e consegnate ai parenti di 91 bergamaschi, fra cui uno originario di San Pellegrino Terme e uno di Serina, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti.

A ricevere la distinzione onorifica di Commendatore “Al Merito della Repubblica Italiana”, una fra le più alte onorificenze della Repubblica, è stato Carlo Personeni, di Sant'Omobono Terme. Personeni è conosciuto principalmente per essere il presidente del Consorzio BIM Bergamo, da diversi anni. Ma non solo: Personeni è anche attualmente alla guida di Federbim (Federazione nazionale dei consorzi del bacino imbrifero montano), dal 2013 dell'EBM (Ente bergamaschi nel mondo) dopo averne fatto parte per 11 anni – 6 come membro di giunta e 5 come vicepresidente – e vicepresidente della fondazione Montagna Italia dal 2014.


Ma Personeni non è l'unico valdimagnino: fra i nomi degli insigniti a Cavaliere “Al Merito della Repubblica Italiana” c'è anche Pietro Invernizzi, il famoso “pecapride” di Corna Imagna. Invernizzi, classe '54, è infatti conosciuto per essere un abile artigiano edile, un artista esperto della lavorazione della piöda, pietra tipica usata principalmente per i tetti, che Invernizzi spesso lavora e realizza.

Fra le 91 medaglie consegnate ai parenti per i bergamaschi, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra 1943-1945, ci sono anche due originari della Valle Brembana: si tratta di Giuseppe Fallara, di San Pellegrino Terme, la cui medaglia è stata consegnata al figlio Francesco dal Prefetto di Bergamo Elisabetta Margiacchi, e di Luigi Belotti, classe '15, di Serina.



(Fonte immagine a sx: trekking.it)

Ultime Notizie

Taragna per tutti i gusti a Roncola, il 2 luglio torna la Taragnafest

Dopo due anni di pausa a causa della Pandemia, torna una delle feste più attese della Valle Imagna: la Taragnafest. Primi piatti, grigliate alla brace, brasati, funghi porcini e ovviamente la taragna, regina indiscussa della festa, sono gli ingredienti fondamentali per una sagra che nei primi due weekend di luglio attirerà avventori da ogni parte della provincia.

X
X
linkcross