Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Frana Val Taleggio, agricoltore consegna una lettera al ministro Martina e a Maroni: ''dichiarate lo stato di calamità''

Armato dell'amore per il suo paese un giovane agricoltore di Vedeseta ha consegnato una lettera al ministro Maurizio Martina durante il convegno Coldiretti G7 a Bergamo.
13 Ottobre 2017

Armato dell'amore per il suo paese, paese messo in ginocchio dalla frana del 25 settembre, un giovane agricoltore di Vedeseta oggi pomeriggio, alle 15.30, prima del convegno Coldiretti G7 al Centro Congressi Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ha consegnato una lettera al ministro delle politiche agricole e alimentari Maurizio Martina. 

A portare la lettera a Martina è il giovane agricoltore Fabio Arrigoni, 35 anni, presidente della Cooperativa S.Antonio della Valle Taleggio e consigliere comunale di Vedeseta. 

"Le scrivo anche in rappresentanza dei bergamini della Val Taleggio  - si legge nella lettera -  e sono certo di interpretare il sentimento di tutta la popolazione chiedendole aiuto. I sindaci di Taleggio e Vedeseta hanno scritto il 29 settembre 2017 una lettera alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Presidente della Regione Lombardia (Arrigoni ha spedito una lettera a Maroni: la calamità va prima riconosciuta dalla Regione ndr) [...] perché venga dichiarato lo stato di calamità naturale. ".

Arrigoni chiede aiuto, ma con l'orgoglio e la compostezza che da sempre contraddistingue i valligiani: "noi non siamo abituati a piangerci addosso: visto che non ci viene nemmeno data risposta ci rimboccheremo le maniche e faremo come sempre soli. Però vi chiediamo almeno di darci unna mano sulla richiesta seguente:  

che venga inserito nei bilanci 2018-2020 dello Stato/Fondi Protezione Civile/Fondo Sviluppo e Coesione, o altro, un intervento straordinario per realizzare le opere attese da oltre 20 anni - due gallerie ed un ponte, come da studio di fattibilità di 16.830.000 euro della Provincia di Bergamo del 1999, ovviamente da aggiornarsi  allo stato attuale, che permetterebbero la messa in sicurezza del percorso che ogni giorno chi sale e scende dalla Val Taleggio deve fare rischiando la vita. La Provincia, grazie anche al suo Presidente, ha agito per le frane di questi anni tempestivamente e sostituirà il Ponte Baily che da oltre tre anni divide in due la valle, ma ovviamente da sola non può fare miracoli. [...] Noi giovani in montagna ci sentiamo abbandonati e ci dispiace sentirci dire che Regione e Governo nemmeno rispondono a richieste così importanti".

"Abbiamo sostenuto subito, con il sindaco di Vedeseta, l’iniziativa di Fabio Arrigoni - spiega il sindaco di Taleggio Alberto Mazzoleni - . Un giovane che vuole costruire il suo futuro in valle! Speriamo che il Presidente Maroni dichiari lo stato di calamità in modo da non lasciare alibi al Governo".

LEGGI ANCHE

Val Taleggio, esplosione controllata per rimuovere la frana - VIDEO

Fabio Arrigoni, 35 anni, agricoltore

Ultime Notizie

X
X
linkcross