Mela sempre più protagonista in valle, da Corna Imagna a Sedrina

Redazione 08/09/2017 0 commenti

Nella Bergamasca c’è un interesse crescente verso la coltivazione professionale delle mele.  “Negli ultimi dieci anni – precisa Coldiretti Bergamo - le superfici dei meleti nella nostra provincia hanno fatto registrare un vero  e proprio boom e sono passate dai circa 11 ettari del 2006 ai circa  23 ettari dl 2016, su un totale regionale di 1.546 ettari. Stiamo parlando  di numeri ancora contenuti, ma la tendenza è netta”.
 
Giovanni Locatelli, dell’azienda agricola “Il Giardino della Frutta” di Corna Imagna racconta che nella sua azienda si coltivano mele da quattro generazioni e solo negli ultimi cinquant’anni sono passati ad una produzione intensiva. “La nostra è un’azienda di tipo familiare – spiega  - su circa 2,5 ettari di terreno coltiviamo soprattutto le varietà  Royal gala, Golden, Stark, Renetta, Ruggine, Fuji, Morghen e altre. Siamo in conversione biologica e il prossimo anno avremo la certificazione. Le mele che raccogliamo in parte le vendiamo direttamente in azienda o sui mercati e in parte le trasformiamo in succhi o in confettura.  Purtroppo quest’anno il raccolto sarà molto scarso perché le gelate primaverili e alcune grandinate hanno causato danni significativi”.


L’andamento anomalo del clima non ha risparmiato la produzione delle mele. A provocare i danni maggiori sono state soprattutto i repentini abbassamenti di temperatura durante la tarda primavera che hanno compromesso lo sviluppo dei  frutti. I risultati finali si vedranno però al termine della raccolta, che in alcune realtà, è iniziata proprio in questi giorni.
 
Sta credendo e investendo nella coltivazione delle mele anche l’azienda Fustinoni Annibale di Sedrina. Ornella Capelli, che con il marito Annibale e i figli Ivan e Silvia porta avanti l’attività aziendale che conta anche un allevamento di bovini e suini e di un macello autorizzato CEE, racconta che hanno intrapreso questa strada cinque anni fa grazie a due meli regalati da alcuni amici della Val di Non “ Ora abbiamo 900 alberi di mele  – spiega - e abbiamo in programma di piantarne altri. Parte del raccolto lo vendiamo direttamente nei mercati di Campagna Amica o in azienda, il resto invece lo trasformiamo in succo e aceto di mele, due prodotti che i nostri clienti apprezzano molto”.
 
Anche per molti giovani che stanno tornando all’agricoltura sembra essere scoccato “il tempo delle mele”. Chi si avvicina a questa coltivazione infatti intravede le innumerevoli possibilità di trasformazione di questo frutto, che può diventare succo, marmellata, sidro, gelato, mele disidratate, ecc., e di investire in un comparto nuovo non ancora inflazionato.

Seguici su tutti i nostri canali social

COMMENTI

Lascia un commento





Settembre 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

    






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph