Teb T2 Bergamo-Villa d'Almè, benefici anche per la Valle Imagna

Redazione 20/02/2017 1 commenti

Da diverse settimane si è tornato a parlare della possibilità di attivare una nuova linea tranviaria T2 della TEB, che andrebbe a collegare Villa d'Almè alla città di Bergamo. Una soluzione che potrebbe risolvere i problemi di congestione del traffico che ogni giorno affligge l'area nord-ovest della Provincia di Bergamo. Ancora in pochi però hanno sottolineato i possibili vantaggi che una nuova linea su ferro avrebbe anche per la piccola Valle Imagna, come evidenzia il vice sindaco di Almenno San Bartolomeo Alessandro Frigeni.

“La riattivazione della tranvia per la Valle Brembana nel tratto Bergamo-Villa d'Almè – spiega Frigeni – avrebbe importanti benefici, soprattutto se accompagnata dalla realizzazione, a Villa d'Almè, di un adeguato parcheggio di interscambio per i residenti della Valle Imagna, con un servizio di bus navetta che colleghi la valle a Villa d'Almè. In questo modo, oltre ad una significativa riduzione di inquinamento atmosferico e tempi di corsa, diversi cittadini della valle non andrebbero ad occupare il già congestionato traffico su strada nell'area nord-ovest della provincia”.

Su inquinamento e risparmio di tempo siamo tutti d'accordo, ma il possibile costo del biglietto? “Per quanto riguarda i prezzi, immagino che il futuro gestore dovrà studiare una tariffa competitiva. Il biglietto di bus navetta più tranvia non dovrà superare la corrispondente corsa dei pullman attualmente in servizio”.

In realtà più che di attivazione sarebbe meglio parlare di riattivazione, visto che – come ricorderanno soprattutto i lettori più anziani – nel periodo 1906-1966 esisteva un treno che da S.Pellegrino correva fino a Bergamo, passando appunto per Villa d'Almè. Il vecchio sedime e le gallerie ci sono ancora, ma il problema è che, nel frattempo, su parte di quel tracciato è stata realizzata una pista ciclabile. Per questo motivo l'idea di recuperare il vecchio sedime per attivare la tranvia non è totalmente fattibile, ma andranno adottate delle soluzioni alternative, ad esempio (come fatto anche in Valle Seriana), accostare parallelamente la T2 alla ciclovia esistente.

“Secondo la logica dei corsi e ricorsi storici, stiamo ritornando – conclude Frigeni – sui passi dei nostri avi. Non stiamo facendo altro che riadattare in chiave moderna le vecchie ferrovie già presenti fino al dopoguerra, cercando di rimediare a quello che è stato un errore clamoroso di chiudere la tranvia. Una scelta al tempo davvero miopie, perché ora dobbiamo spendere parecchi soldi (142 milioni di euro ndr) per andare a riattivarle”. 

(In collaborazione con il mensile Intervalli)


COMMENTI

Raffaello Fiumana 03/07/2017

La linea ferroviaria arrivava a Piazza Brembana

Lascia un commento





Marzo 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

    






Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph