Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

I sindaci di Foppolo e Valleve ai domiciliari: appalti truccati e truffa su finanziamenti

Agli arresti domiciliari due sindaci dell'Alta Valle Brembana: il sindaco di Foppolo, Giuseppe Berera e i primo cittadino di Valleve, Santo Cattaneo, tutti e due anche ex amministratori della società Brembo Super Ski.
16 Aprile 2018

Agli arresti domiciliari due sindaci dell'Alta Valle Brembana: il sindaco di Foppolo, Giuseppe Berera e il primo cittadino di Valleve, Santo Cattaneo, tutti e due anche ex amministratori della società Brembo Super Ski. 

Secondo le indagini, coordinate dal pm Gianluigi Dettori e condotte in collaborazione fra i carabinieri della Compagnia di Zogno e i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziria di Bergamo, i due sindaci - come riporta Repubblica.it - avrebbero elaborato un sistema per conseguire fondi pubblici in danno alla Regione Lombardia e truccare appalti.

Berera e Cattaneo sono inoltre accusati di falsificazione di atti pubblici, abuso d'ufficio e bancarotta fraudolenta per il fallimento della Brembo Ski, società partecipata. I due non avrebbero agito da soli: sotto la lente degli inquirenti sono finiti anche altre persone, fra cui una dipendente del Comune di Foppolo e la moglie del sindaco di Foppolo. 

Perquisite le abitazioni dei due sindaci, che secondo gli investigatori avrebbero falsamente rendicontato spese e investimenti fino a 16 milioni e mezzo di euro e ottenendo indebitamente contributi regionali per oltre 3 milioni e 290 mila euro. Le indagini hanno poi rilevate un trasferimento di circa 700 mila euro dalla Brembo Super Ski (che poi sarebbe fallita) a una società di Hong Kong, giustificati come "attività di ricerca di investitori asiatici".

A chiudere il cerchio all'attenzione degli inquirenti anche una gara bandita dal Comune di Foppolo per il riposizionamento di una telecabina di 12 posti sul nuovo percorso "Ronchi-Montebello", che nel luglio 2016 fu distrutta a causa di un incendio doloso. Secondo le indagini ci sarebbe una accordo collusivo fra il sindaco e un imprenditore del bresciano, unico partecipante alla gara. Coinvolta anche una impiegata comunale, lei che ha istruito la procedura e curato la predisposizione degli atti amministrativi per l'affidamento dei lavori.

Ultime Notizie

X
X
linkcross