Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Il segretario De Filippis rinuncia: otto comuni delle valli rimarranno senza funzionario

A partire da domani 1 agosto, otto Comuni della Valle Brembana e Imagna si ritroveranno senza un segretario comunale: Vincenzo De Filippis, infatti, ha deciso che lascerà la reggenza in undici Comuni, otto dei quali nelle valli.
31 Luglio 2019

È delle ultime ore la notizia che, a partire da domani 1 agosto, otto Comuni della Valle Brembana e Imagna si ritroveranno senza un segretario comunale: Vincenzo De Filippis, infatti, ha deciso che lascerà la reggenza in undici Comuni, otto dei quali nelle valli – Algua, Carona, Moio de' Calvi, Oltre il Colle, Roncola, Valbrembilla, Valleve e Camerata Cornello – con ulteriori rinunce previste per il futuro.

La notizia del ridimensionamento non giunge nuova: l'emergenza segretari si era già fatta sentire nei giorni scorsi, quando il consigliere di Roncola Nella Mazzoleni, che ha segnalato e chiesto chiarimenti ai sindaci circa la presunta partecipazione di De Filippis a più sedute di giunta contemporaneamente, venendo poi smentita dal funzionario stesso. Ma tanto è bastato a sollevare una discussione già aperta di recente.

Come preannunciato, ho rinunciato alla reggenza di tutti questi Comuni, tra i quali alcuni assegnati proprio nel mese di luglio – ha confermato Vincenzo De Filippis a L'Eco di Bergamo – A breve dovrei lasciare altre due realtà: Piazzolo e Mezzoldo. Con ogni probabilità lascerò infine anche la Comunità Montana Valle Imagna. Oltre ai sette Comuni che gestisco in convenzione, terrò quindi in reggenza solo Locatello e Berbenno”.

Il segretario De Filippis, infatti, è attualmente funzionario in ben 23 enti locali della bergamasca, di cui 7 in convenzione e 16 in reggenza momentanea: un numero molto alto, che ha portato anche l'Uscp, Unione Nazionale dei Segretari Comunali e Provinciali della Lombardia, ad intervenire sulla questione rilasciando una nota. “Consideriamo questa rinuncia un atto assolutamente dovuto – si legge – stante l'aver ribadito in più occasioni l'insostenibilità di una situazione che mortifica il ruolo del segretario”

Se i segretari non possono, come giusto, svolgere più di tre incarichi di reggenza, ci aspettiamo che la Prefettura di Milano recepisca la rinuncia del collega e provveda ad individuare una diversa soluzione, che purtroppo riteniamo non ci sia visti gli impietosi numeri che da anni esponiamo e per i quali si chiede l'assunzione di nuovi segretari comunali – continua il comunicato – Vigileremo sugli undici Comuni che dal 1 agosto saranno senza segretario”. La questione si somma ad un'emergenza che verrà ora portata all'attenzione del Ministero dell'Interno dalla senatrice di Forza Italia Alessandra Gallone, attraverso un'interrogazione parlamentare.

Ultime Notizie

X
X
linkcross