Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

La magia del gospel incanta San Pellegrino, con la forza di maestro Mocchi

Sabato 3 Agosto si è tenuto il concerto Gospel presso la Clinica Quarenghi portato in scena dal gruppo LV Gospel Project.
5 Agosto 2019

Sabato 3 Agosto si è tenuto il concerto Gospel a San Pellegrino Terme alle ore 17.30, portato in scena dal gruppo LV Gospel Project. A dirigere il coro il direttore artistico Francesco Maria Gabriele Mocchi (QUA la nostra intervista). L’evento ha avuto luogo nel giardino dell’Istituto Clinico Quarenghi, dove sono stati allestiti spazi predisposti alle sedute. Grande partecipazione da parte del personale dell’Istituto, da parte dei pazienti e dei familiari, ma anche da tantissime persone esterne provenienti non solo dal paese, ma anche da Pavia e dalle zone dell’Adda

Inizialmente il concerto si è aperto con la presentazione dell’Istituto Clinico da parte della direttrice Michelle Quarenghi, che ha a lungo parlato degli interventi e delle novità che sono state introdotte, per poi presentare la figura di Francesco e il resto del coro, che era composto da 11 elementi vestiti interamente di bianco. Dopo una breve introduzione, è iniziato il concerto con un repertorio che variava da “Let it be” dei Beatles degli anni ‘70, a “Magic” dei Coldplay arrivando all’”Hallelujah” e via dicendo.

Tra un brano e l’altro vi erano sporadicamente delle interruzioni da parte del direttore artistico che si è raccontato e che ha donato parole di saggezza e di incoraggiamento: “ C’è sempre speranza. Ora sono su una carrozzina a rotelle, un indomani chi lo sa. Ma guai chi molla. Boia chi molla!”, esulta. Commoventi le parole, il pubblico era preso dal sopravvento delle emozioni. “Uno spettacolo incredibile, un’ esibizione indimenticabile” ci confessa Paola Quarenghi. Ma non è solo lei ad essere entusiasta, anche i pazienti dell’Istituto, nonché amici di Francesco, hanno dichiarato: “Anche se può essere un genere che non piace a tutti, le loro voci ti emozionano, ti invoglia a stare qui ed ascoltare”.

Anche Francesco stesso, alla fine del concerto, ci dice: “Sono contentissimo dello performance, e inoltre abbiamo sperimentato l’idea del digitale per dare un tocco nuovo all’esibizione”. Ovviamente, dietro a un così brillante risultato, vi sono anche delle difficoltà, ed è stata una corista del gruppo, nonché fidanzata di Francesco, a parlarcene: “Siamo contenti del risultato finale, ma la mancanza di parte del gruppo ha aumentato le nostre responsabilità e così la difficoltà”. Ma il risultato è stato fenomenale. L’evento si è poi concluso con un brindisi e un rinfresco aperto a tutti e con la possibilità di effettuare un tour all’interno della struttura. 

Ultime Notizie

X
X
linkcross