Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

L'ex hotel Paradiso diventerà un convitto per gli studenti: le novità per il 2021 di S.Pellegrino

Doveva, inizialmente, diventare un centro socio sanitario. Poi la novità: l'ex hotel Paradiso, a San Pellegrino Terme, potrebbe diventare un convitto per gli studenti dell'Istituto Alberghiero. Questo e altri progetti nel corso dell'assemblea pubblica.
4 Gennaio 2021

Doveva, inizialmente, diventare un centro socio sanitario. Poi la novità: l'ex hotel Paradiso, a San Pellegrino Terme, potrebbe diventare un convitto per gli studenti dell'Istituto Alberghiero cittadino, una sorta di “campus” che ospiterà anche spazi per la didattica e formazione. Questa ed altre le novità rese note nel corso dell'assemblea pubblica, tenutasi online per fornire un resoconto dell'anno appena passato e tracciare un percorso per quello appena iniziato.

Lo studio di fattibilità è stato presentato dal Comune alla Regione, nell'ambito dell'Accordo di programma per lo sviluppo di San Pellegrino Terme. “Paradiso” è infatti, insieme alla “Vetta” una delle località di punta nel progetto di valorizzazione del Comune brembano: il costo stimato del campus, compresa la strada di accesso, dovrebbe aggirarsi sui 16,3 milioni di euro.

Per raggiungerlo, gli studenti potrebbero avvalersi della funicolare, che secondo i piani dovrebbe ormai ripartire in primavera. Intanto, sempre alla Vetta, sono partiti i lavori per la realizzazione del Parco della Vetta nella zona di arrivo. Per quanto riguarda il recupero dell'ex albergo Vetta, dovrebbe essere firmata a breve la convenzione con il gruppo Zani di Dossena, che aveva acquistato l'immobile.

San Pellegrino Terme ha grandi progetti per il 2021. Innanzitutto, si concluderà ad aprile l'intervento di recupero del Grand Hotel, che permetterà l'uso di un piano con le cucine. Per la sua gestione, se ne parlerà agli inizi di febbraio, quando scadrà il bando: dei quattro inizialmente interessati, come riporta L'Eco di Bergamo, pare esserne rimasti due fra cui QC Terme, già gestore della Spa cittadina.

Lavori in corso (partiti lo scorso giugno) anche all'ex Villa Giuseppina, dove sorgerà il futuro centro termale curativo a pochi passi dall'ingresso di QC Terme di San Pellegrino Terme. L'edificio verrà ristrutturato a rustico, grazie ad una convenzione sottoscritta con Sviluppo San Pellegrino S.r.l. (Società Percassi), che è anche proprietario dell'immobile, per l'importo totale di 1 milione e 700 mila euro.

Proseguono i lavori anche all'ex cinema Eden, un'opera dal costo complessivo di 1 milione e 761 mila euro, che diventerà una sala civica intitolata all'ex capitano della Fiorentina Davide Astori, scomparso nel 2018 e originario di San Pellegrino Terme, dove ha mosso i suoi primi passi nel mondo del calcio.

Fra le opere ancora in attesa di finanziamento, resta invece il ponte pedonale vicino al municipio, dal costo stimato fra 1,5 e 2 milioni di euro. Una nuova fontana verrà realizzata sul lungobrembo (vicino alla diga), dalle spese già coperte. Ma San Pellegrino è già proiettata al futuro: all'inizio del 2022 si inizierà a parlare di un nuovo importante progetto che vedrebbe la realizzazione di una casa di riposo ex novo in località Salvarizza (fra Santa Croce e Spettino), in grado di ospitare un centinaio di posti letto. La proposta è arrivata da una società di Milano. “Se realizzata – ha sottolineato il sindaco, Vittorio Milesi – consentirebbe di risollevare l'interesse per le due frazioni”.

(Fonte: L'Eco di Bergamo)

Ultime Notizie

X
X
linkcross