Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Lieto fine per Telmo, il levriero smarrito fra Valtorta e i Piani di Bobbio: dopo una settimana è a casa

Una settimana fra avvistamenti, paure e preoccupazioni, ma per il levriero Telmo c'è un lieto fine: a sette giorni dal suo smarrimento, è tornato al sicuro fra le braccia della sua famiglia e della sua proprietaria, Ilenia Cornago.
28 Luglio 2021

Una settimana fra avvistamenti, paure e preoccupazioni, ma per il levriero Telmo c'è un lieto fine: a sette giorni dal suo smarrimento, è tornato al sicuro fra le braccia della sua famiglia e della sua proprietaria, Ilenia Cornago. Il cane si era allontanato nel pomeriggio di sabato 17 luglio fra il rifugio Trifoglio a Ceresola di Valtorta e il rifugio Lecco, sui Piani di Bobbio.

“Eravamo a pochi metri dall'automobile, quando un cane lo ha disturbato e Telmo, spaventato, è scappato via” racconta la proprietaria. I sette giorni successivi sono un turbinio di emozioni ed avvistamenti da parte delle persone di passaggio. “Un signore ci ha avvisato di averlo avvistato in cima alla salita da cui è scappato – prosegue Ilenia – Un'altra persona, invece, ci ha detto di averlo visto per strada e un altro ancora nel parcheggio da dove è fuggito”.

Per ritrovare il suo amico a quattro zampe, Ilenia si è rivolta all'Associazione Pet Levrieri Onlus, che ha mandato sul posto volontari e soci per dare una mano nelle ricerche, e alla società Pet Detective, esperta nel ritrovamento di animali dispersi. “Su loro consiglio, abbiamo deciso di posizionare una fototrappola nel parcheggio del Rifugio Trifoglio, con la speranza che tornasse – racconta – Abbiamo passato più notti al Rifugio nell'attesa, ma purtroppo è stato un buco nell'acqua”.

 

Sabato 24 luglio, finalmente, il ritrovamento: dopo ben tre avvistamenti nei pressi del Rifugio Lecco, i famigliari di Ilenia – che hanno costantemente monitorato la zona nell'arco della settimana – hanno incontrato Telmo mentre si apprestavano a posizionare l'ennesima fototrappola. Spaventatissimo, magro e ferito, ma finalmente al sicuro.

“Sembrava quasi come se anche lui ci stesse cercando – afferma la proprietaria – I miei genitori e mio fratello lo hanno chiamato e lui è corso subito da loro. Era magrissimo, proprio pelle e ossa, e con una piccola ferita. Ma sta bene”. Ad aspettarlo nella loro casa ad Almè le tre “sorelline” pelose Trilly con Tecla e Tessa, due levrieri anche loro salvate – come Telmo – ed adottate attraverso l'Associazione Pet Levrieri Onlus.

“Abbiamo passato una settimana davvero da incubo, con il costante pensiero di dove potesse essere – conclude Ilenia – Abbiamo camminato giorno e notte per cercarlo, lanciato appelli, fatto ogni cosa possibile. E anche se gli avvistamenti ci rincuoravano un po', non siamo mai stati completamente sollevati finché non abbiamo ritrovato il nostro Telmo sano e salvo. Per fortuna abbiamo avuto il nostro lieto fine”.

Ultime Notizie

X
X
linkcross