Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Meno di 400 studenti da ormai 7 anni: nasce l'Istituto comprensivo Valle Serina-San Pellegrino

Meno di 400 studenti totali, da ormai sette anni. E l'Istituto Comprensivo della Val Serina si arrende: a partire dal prossimo anno scolastico 2021-2022, si accorperà a San Pellegrino Terme dando vita all'Istituto Comprensivo Valle Serina-San Pellegrino.
18 Novembre 2020

Meno di 400 studenti totali, da ormai sette anni. E l'Istituto Comprensivo della Val Serina si ''arrende'': a partire dal prossimo anno scolastico 2021-2022, si accorperà a San Pellegrino Terme dando vita all'Istituto Comprensivo Valle Serina-San Pellegrino, che sancirà definitivamente l'unione a livello scolastico degli studenti di Serina, Oltre il Colle, Cornalba, Algua, Bracca e Costa Serina con quelli di San Pellegrino e Dossena.

Per gli alunni, di fatto, non cambierà nulla: vi sarà una sola dirigenza, che svolgerà la propria attività alternandosi fra San Pellegrino Terme – dove resterà la segreteria amministrativa – e Serina. “La nuova dirigenza accompagnerà sicuramente questo delicato passaggio – ha spiegato il dirigente reggente dell'Istituto Comprensivo di San Pellegrino, Giovanna Leidi, a L'Eco di Bergamo –. Con Serina, sicuramente, la gestione diventerà più complessa”.

La decisione è stata accolta con favore da San Pellegrino. “Noi abbiamo subito dato la nostra disponibilità – ha dichiarato Vittorio Milesi, sindaco di San Pellegrino – Peraltro il nostro istituto ha comunque più di 400 alunni, senza contare il centinaio di bambini all'asilo paritario. Unendoci con Serina ora non ci saranno più problemi di numeri. Con la Val Serina, peraltro, ci accomuna il Distretto del Commercio”.

Una scelta, ufficializzata con un decreto dell'11 novembre, molto complessa, dettata da una natalità sempre più in declino, in particolare nell'ambito delle nostre valli dove non è una novità che le scuole si trovino in difficoltà numerica. “Avremmo voluto una soluzione diversa – è il commento del sindaco di Costa Serina, Fausto Dolci. Per tutti noi sindaci della Valle Serina sarebbe stato meglio aggregare i circa 200 alunni di Selvino (parte dell'Istituto Comprensivo di Nembro, ndr), ma l'Amministrazione era contraria. Eppure, territorialmente, sarebbe stato più opportuno: già alcuni bambini di Algua frequentano a Selvino e da Selvino vengono ad Algua. Ci sono poi legami anche grazie alle parrocchie. Con la nascita del nuovo Istituto abbiamo comunque chiesto che la dirigenza si alterni nella presenza a San Pellegrino e a Serina, in modo da tenere contatti con ragazzi, genitori e amministratori”.

Gli Istituto Comprensivi attualmente sul territorio scendono così a cinque: San Giovanni Bianco con Val Taleggio e Camerata, Valle Serina-San Pellegrino insieme a Dossena, Zogno e Val Brembilla, con Sedrina e Ubiale Clanezzo e infine Valnegra per l'alta Valle Brembana. E proprio qui, a partire dal prossimo anno scolastico, ci saranno diverse novità di cui già si parlava da tempo. Nel recente decreto della Provincia sul nuovo assetto scolastico, è stata infatti annunciata la chiusura della scuola dell'infanzia di Valnegra e delle elementari di Lenna.

La riorganizzazione è stata fortemente voluta e discussa negli scorsi mesi dalle Amministrazioni dei Comuni di Lenna, Valnegra, Moio de' Calvi, Roncobello e Piazza Brembana che hanno unitamente accordato, a partire dal prossimo anno scolastico 2021-2022 la nascita del nuovo polo scolastico per l'Alta Valle Brembana. Al momento, sui territori dei cinque Comuni coinvolti, vi sono due scuole dell'infanzia pubbliche (a Lenna e a Valnegra), una paritaria (a Piazza Brembana), un asilo nido (a Valnegra), due scuole elementari (Lenna e Piazza Brembana) e una scuola media (Valnegra). Con il nuovo polo scolastico condiviso, il nido e l'asilo (0-6) si trasferirebbero a Lenna nella struttura che ora ospita le elementari, le scuole primarie a Piazza Brembana e le scuole medie a Valnegra, nella propria storica sede. Tutte le altre strutture verrebbero così chiuse e sfruttate per altre attività.

Ultime Notizie

Ospedale Papa Giovanni XXIII a Superquark con la terapia genica

E' andato in onda nella puntata speciale di sabato 13 agosto il servizio che la redazione di Superquark ha girato nelle scorse settimane all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo con protagonista Gaia, la prima paziente al mondo curata con successo dalla sindrome di Crigler-Najjar.

X
X
linkcross