Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Protesta dei profughi a Valleve: ''Vogliamo andarcene''

Protesta ieri mattina, 2 febbraio, dei migranti (circa una trentina su ottanta) ospitati dall'hotel San Simone a Valleve.
3 Febbraio 2018

Protesta ieri mattina, 2 febbraio, dei migranti (circa una trentina su ottanta) ospitati dall'hotel San Simone a Valleve. I profughi si sono riuniti davanti all'ingresso della stazione sciistica di Valleve e, per circa due ore, hanno chiesto a gran voce (ma in maniera pacifica) di potersene andare dal paese, dopo otto mesi di permanenza, bloccando la strada. 

I motivi della protesta? Fondamentalmente l'isolamento. I migranti hanno puntato il dito contro la gestione della cooperativa Ubuntu di Lecco e le promesse del trasferimento in appartamenti in bassa valle o in città non ancora mantenute.

"Il progetto iniziale era di farli restare a San Simone tre o quattro mesi - spiegano i portavoce della cooperativa all'Eco di Bergamo - quindi spostarli in alloggi sparsi vicino alla città. La struttura di San Simone doveva restare per un'accoglienza temporanea e di prima emergenza. Purtroppo anche per noi qui è difficilissimo garantire un buon livello di accoglienza, non riusciamo a erogare servizi per l'integrazione, corsi di formazione e professionali. Siamo riusciti solo a fare alcune lezioni di lingua italiana. Ovvio che vicino alla città le possibilità di integrazione sarebbero maggiori[...[ Anche la Prefettura, evidentemente, ha difficoltà a trovare una soluzione"

La protesta, cominciata verso le 10.00 sotto il controllo delle forze dell'ordine, si è conclusa alle 12.00, all'ora di pranzo, quando i profughi tornano in hotel.

(Fonte immagine in evidenza: montagneepaesi.com)

Ultime Notizie

X
X
linkcross