Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Romanico degli Almenno: nuova segnaletica stradale (alla faccia di Google Maps)

Grazie ad un lavoro di squadra tra Fondazione Lemine, Comuni, parrocchie e Provincia, installati tredici nuovi cartelli stradali di tipo turistico con la scritta 'Romanico degli Almenno' lungo le principali arterie provinciali.
22 Agosto 2018

Smartphone alla mano, qualsiasi località del globo terracqueo è ormai a portata di click, tuttavia la segnaletica stradale verticale continua ad avere una certa importanza nella sua dimensione squisitamente turistica. È questo il caso dei tredici nuovi cartelli stradali di tipo turistico (marroni) con la scritta "Romanico degli Almenno" installati a luglio nei punti nodali delle principali arterie provinciali, direttrici Capriate San Gervasio e Dalmine.

Il risultato è stato raggiunto grazie alla collaborazione istituzionale tra i comuni e le parrocchie di Almenno San Bartolomeo e San Salvatore che, in sinergia con la Provincia di Bergamo e con il sostegno economico di Sacbo Spa, hanno affidato alla Fondazione Lemine (ex Antenna Europeo del Romanico) il coordinamento operativo dell'intervento.

"L'installazione di questa segnaletica – spiega Nicola Cremonesi di Fondazione Lemine - corrisponde ad un'esigenza rilevata parecchie volte in questi ultimi anni. Molti visitatori che arrivano da fuori regione o fuori Italia lamentano difficoltà nel trovare indicazioni stradali per raggiungere il Parco del Romanico degli Almenno (costituito da: complesso monumentale della Madonna del Castello (VII-XVI secolo), la Rotonda di San Tomè (XII secolo), la chiesa di San Giorgio (XII secolo) e il complesso rinascimentale di San Nicola (XV secolo), Luogo del Cuore FAI nel 2016 ndr)".

"Finalmente li abbiamo visti installati sulle nostre strade provinciali, comunali, alle uscite delle autostrade – dichiara il sindaco di Almenno San Bartolomeo, Gianbattista Brioschi -. Li abbiamo attesi da un po' di tempo, dopo aver espletato tutti i passaggi burocratici necessari per l'installazione. Tutto è cominciato quando il Comune di Almenno ha partecipato ad un bando della Provincia che finanziava contributi per il turismo. Noi abbiamo paretcipato con un progetto di segnaletica turistica redatto dalla Fondazione Lemine, ma purtroppo i soldi non bastavano a finanziare tutti i progetti e il nostro venne escluso. Fortunatamente il presidente Matteo Rossi è risucito successivamente a convincere Sacbo a finanziare anche i progetti esclusi dal bando. Un ringraziamento alla Provincia a Sacbo e alla Fondazione Lemine per la collaborazione espressa nelle varie fasi progettuali." Dello stesso avviso il primo cittadino di Almenno San Salvatore, Gianluigi Brioschi: "Con questo intervento abbiamo aggiunto un’altro tassello importante per la valorizzazione del territorio del Lemine e dei suoi tesori"

"Un altro passo importante per favorire l'accessibilità dei turisti alle chiese del Romanico – osserva l'assessore al turismo di Almenno SB, Alessandro Frigeni che completa il quadro dell'attrattività turistica delle bellezze del nostro territorio. È la dimostrazione che con piccoli investimenti si possono ottenere risultati importanti"

Contestualmente ai nuovi cartelli turistici, in primavera, sono stati installati anche dei pannelli illustrativi permanenti (testo in italiano/inglese con alcuni disegni firmati dall'arch. Cesare Rota Nodari) fuori dalle quattro chiese che permettono l'identificazione storico-artistica degli edifici già dall'esterno "utile quando un turista non ha la possibilità di entrare e vuole avere immediatamente le informazioni basilari sul monumento", sottolinea Cremonesi. L’intero progetto è inoltre confluito nel festival “Antico Lemine 2018”, promosso da Fondazione Lemine, Comune di Almenno San Bartolomeo e Comune di Almenno San Salvatore con il contributo di Regione Lombardia.

I nuovi pannelli illustrativi davanti a San Tomè

Ultime Notizie

Da Milano a Genova passando per Rimini, i ragazzi dell'Istituto Maria Consolatrice tornano in gita

Dopo due anni di chiusure per la pandemia, finalmente tutti gli alunni dell’Istituto Maria Consolatrice di Cepino hanno avuto la possibilità di fare la propria gita. Nella settimana dal 17 al 20 maggio la scuola ha chiuso (parzialmente) le sue porte alla didattica in classe, per dare spazio alle uscite nel territorio vallare e italiano alle varie sezioni.

X
X
linkcross