A Schiena Bassa - Davide e le sue brune originali a Corna Imagna: ''Mi ispiro alla Svizzera''

Eleonora Busi 03/08/2021

Tanta passione, ma anche ricerca, studio e curiosità: sono questi i tre elementi che stanno alla base dell'Azienda Agricola di Davide Locatelli, 34 anni, a Corna Imagna. Qui, in verdeggianti ettari di prati, ruminano indisturbate una decina di vacche di razza bruna alpina originale, prima fonte di sostentamento di Davide che – ad inizio anno – ha anche inaugurato il suo primo caseificio in Contrada Finiletti, laddove in precedenza si trovava la Cooperativa “Il Tesoro della Bruna”, in cui vende il frutto del proprio lavoro.

Davide ha origini valdimagnine. I suoi genitori, infatti, sono proprio di Corna Imagna ma una volta sposati si sono trasferiti nel milanese. Perciò l'infanzia del 34enne si è alternata fra città e montagna, dove insieme al nonno materno ha scoperto un'inaspettata passione per l'allevamento di montagna. “Lo aiutavo a fare il fieno e svolgere tutte le attività del mestiere – ricorda Davide – Ho sempre avuto la fissa per il trattore e per la campagna. Fortunatamente anche casa mia si trovava in mezzo a tanti campi, che si estendevano per decine di chilometri. Alle superiori ho deciso di frequentare, perciò, l'Istituto Agrario”.

Una scelta quasi naturale, spinta dai ricordi d'infanzia, ma che ben presto ha dovuto fare i conti con la realtà dell'agricoltura industrializzata. “Dopo due anni di stage in una grande azienda della pianura, mi sono reso conto che cozzava con quello che era il mio ricordo d'infanzia – spiega – Perciò ho accantonato l'idea e ho deciso di fare il giardiniere fino al 2015, quando ho smesso e ho lavorato in ditta per nove mesi”. In quel lasso di tempo Davide ha avuto il coraggio di riordinare le proprie idee. Così è rispuntata l'ipotesi di dedicarsi a tempo pieno ad agricoltura e allevamento, magari proprio dove ha imparato a conoscerne la forma più pura. “Nel 2016 mi sono trasferito a Corna Imagna. Entro la fine del 2017 ho acquistato dall'Austria i miei primi sei capi” aggiunge.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

 

Inizialmente tutto sembrava andare per il meglio: una piccola Azienda Agricola che conferiva il proprio latte alla vicina Cooperativa. Fino a luglio del 2018, quando l'attività ne ha interrotto il ritiro. “È stata davvero dura – racconta Davide – ma a gennaio 2020 ho avuto la possibilità di risollevarmi grazie all'apertura del mio piccolo caseificio in Contrada Finiletti, grazie al quale ora posso finalmente lavorare e vendere i miei prodotti caseari”. Davide produce, infatti, stracchini di vario tipo – sia a crosta lavata che normale – e su richiesta anche il primo sale. Tutti i suoi formaggi sono estremamente genuini e gli animali sono alimentati esclusivamente a fieno tagliato da Davide stesso.

“Risparmierei acquistandolo altrove? Assolutamente sì. Ma preferisco seguire la mia filosofia di valorizzazione e conservazione del territorio – spiega il giovane –. Per questo motivo è doveroso sottolineare che il prodotto finale, ovvero il formaggio, non può essere venduto sottocosto. Proprio perché il mio tempo non vale meno. Al momento sto vendendo a prezzi che sicuramente non sono concorrenziali, ma mi va assolutamente bene così”. L'Azienda Agricola di Davide prende esempio, infatti, dal modello di agricoltura di montagna svizzera e trentina, “un contesto molto più evoluto rispetto a quello attuale della Bergamasca e Lombardia in generale”.

“In quei territori si punta a mantenere i prati ben falciati, in modo tale che l'impatto visivo porti un ritorno turistico ed economico anche per le realtà agricole che vi lavorano – spiega Davide – Questo è il modello a cui cerco di ispirarmi. Lavoro con l'obiettivo di mantenere la biodiversità dell'ecosistema alpino, utilizzando certi macchinari piuttosto che altri per lo sfalcio, e di dimostrare che non bisogna condurre soltanto il 'bello', ma che la montagna ha anche il 'brutto' e bisogna apprezzarla e valorizzarla a 360°. Ovviamente servono tante ore, tanta manodopera, tanta fatica. E una buona dose di passione”.

Davide è il primo (ed unico, al momento) allevatore in tutta la Valle Imagna che trasforma il latte di vacca bruna originale in formaggio. La scelta è ricaduta su questa razza proprio per via di alcune sue caratteristiche uniche: in primis la differenza di dimensione e peso – più leggera –, poi per la sua duplice attitudine a latte e carne, ed infine per via della k-caseina, una proteina del latte particolarmente accentuata nella razza che permette una rendita maggiore. “Ho abbracciato l'idea della stabulazione libera, perciò tutte le mie vacche sono libere di pascolare senza essere legate – spiega Davide – Sono animali dall'indole molto docile. E ti ci affezioni, per forza di cose. Si crea un legame, un certo tipo di rapporto ed impari pian piano a conoscerle tutte. Ognuna ha il proprio carattere: c'è quella più remissiva, quella più curiosa e quella più timida, l'esuberante e la frizzante. Soltanto conoscendole a fondo riesci a comprendere anche il modo più appropriato per approcciarle”.

Fra le sfortune e gli ostacoli degli anni passati, ora Davide pensa con cautela al futuro. La speranza è tutta riposta nel caseificio in Contrada Finiletti e nella bella stagione, che potrebbe portare in paese diversi turisti. Per ora segue una ventina di clienti in città, mentre cerca un appiglio per sfondare nel mondo della ristorazione, proponendo i propri prodotti sani e genuini. “Di cose da fare ce ne sono – conclude – Per ora non mi sbilancio troppo riguardo il futuro. Sto cercando sbocchi al di fuori della Valle Imagna, ma devo ammettere che anche in paese ho ricevuto qualche piccola soddisfazione e riconoscimento, soprattutto riguardo al lavoro fatto sui terreni che ho in gestione. Tutto questo ti conforta e ti aiuta a ricaricare le batterie anche dopo tante difficoltà”.

Per seguire l'attività di Davide, a questo link trovate la sua Pagina Facebook.

Contatti: tel 380.7717151 e loca87davide@gmail.com

Seguici su tutti i nostri canali social







Settembre 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

   




Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph