La Valle nel Mondo - Ludovico Monaci, il cervello in Francia e il cuore in Val Brembana

Leandro Rinaldi 03/09/2021

Con la testa in Francia, ma i piedi saldi in Valle Brembana: Ludovico Monaci, trent’anni, vive da un anno a questa parte a Grenoble: Oltralpe si occupa di ricerca e oggi ci racconta la sua esperienza.

“Vengo da Branzi e ho studiato Lettere per tre anni a Bergamo. Il primo anno mi sono trasferito a Zogno: Paolo, un mio amico, aveva casa lì e vivevamo insieme - spiega Monaci -. Gli ultimi due anni sono andato a Bergamo, da solo in un appartamento. Dopo la laurea, ho deciso di studiare a Padova, una magistrale in studi di italiano e francese: era un corso inter-ateneo, condiviso tra l’università di Padova e quella di Grenoble, il titolo di laurea vale in entrambi i paesi”.

Un percorso di studi che ha permesso a Ludovico di coltivare la propria passione: “Fin dalle medie mi è sempre piaciuta la letteratura: un giorno, per caso, ho aperto una copia de 'I fiori del male' che mia mamma teneva in casa. Da lì è proseguita questa passione, prima con la triennale, poi con due tesi e un dottorato su Proust, di cui mi occupo anche ora. Si può dire che è lui i fil rouge della mia esperienza”.

Esperienza che è poi proseguita oltralpe: “Ora sto appunto seguendo un dottorato a Grenoble, tornerò a novembre in Italia, ma vorrei sempre tenere un piede in Francia. Branzi resta comunque il mio punto di riferimento, come la mia famiglia”. Del resto, secondo Monaci, il distacco tra i due paesi non è netto: “Siamo molto vicini all’ambiente francese, come preparazione il livello universitario medio italiano è più alto, ma dal punto di vista accademico in Francia c’è forse maggior coinvolgimento. Alla fine, ci separano le Alpi, ma condividiamo più o meno la stessa cultura. Questa cosa mi è piaciuta, i francesi non sono così snob come li immaginiamo, forse qui a Grenoble sono più accoglienti perché c’è una forte minoranza di italiani e sono abituati allo scambio. Non c’è questa grande differenza, alla fine”.

Resta aggiornato

Vuoi ricevere ogni settimana le nostre notizie ??
Iscrivi alla Newsletter

Iscriviti

 

“Forse qui manca la convivialità legata ai pasti” aggiunge, “in Italia la tradizione della famiglia riunita è molto forte, la vedo sempre quando rientro. In ogni caso, il cibo francese se la cava molto bene. Nell’immediato, direi che mi mancano alcune sensazioni che avevo a casa: a me piace molto andare in montagna, fare escursioni al rifugio Calvi o ai laghi Gemelli, insomma le mie zone. Mi manca quel momento di pausa, a volte ne avrei bisogno ma ovviamente non posso prendermelo, anche se Grenoble è a ridosso delle Alpi”.

Una città che, racconta, Ludovico “Non è cara come Parigi, fortunatamente i costi sono diversi, nella capitale le spese sono differenti. La ricerca in ambito letterario mi ha sempre affascinato, quando stavo a Padova volevo essere autonomo e quindi lavoravo in bar e gastronomie: diciamo che il dottorato è una sorta di premio personale”. Fare ricerca significa confrontarsi con i colleghi, un rapporto umano che il Covid ha rischiato di interrompere. “Io ho avuto la fortuna di poter lavorare in digitale, i testi che volevo consultare erano già caricati in rete: certo è stato uno shock, ma tra colleghi c’è stata grande coesione. La ricerca è stata molto colpita, ovviamente non come la ristorazione, ma è stato un bel colpo. Lavorare da casa non è come farlo dal vivo, assolutamente: non si può condividere la propria attività con gli altri, è limitante. Mancava la socialità, quella condivisione leggera che amalgama le persone. Per quanto l’università possa essere pronta a intervenire nel momento di crisi, il lavoro da remoto non è lo stesso che in presenza”.

La stessa condivisione passa anche attraverso il racconto delle proprie radici. “Mi capita di raccontare aneddoti sui miei luoghi, sui posti che conosco o sulle persone che ci abitano. L’esperienza all’estero è un momento da sfruttare, permette di confrontarsi con gli altri e con se stessi: io ho quest’idea, quando cresci senti una chiamata da fuori, allora porti la Valle nel mondo, la tua esperienza viaggia con te ed entra nel rapporto con gli altri”.

Seguici su tutti i nostri canali social

 







Ottobre 2021

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31









Scatti delle valli

La Voce delle Valli
Via IV Novembre 52 - 24038 S.Omobono Terme (BG)
P.IVA: 04228230167 e-mail: info@lavocedellevalli.it
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Bergamo
Direttore Responsabile Marco Locatelli

Seguici su

La Voce delle Valli Copyright 2017, All Rights Reserved Ecograph