Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Gli impertinenti folletti di Berbenno e il sagrista che li cacciò per sempre (a suon di campane)

Si racconta che, tempo fa, la Valle Imagna fosse abitata da frotte di impertinenti folletti, in particolare a Berbenno. A nulla valsero i tentativi di allontanarli finché, un giorno, il sagrista riuscì a cacciarli per sempre grazie ad un metodo molto particolare.
27 Dicembre 2021

Si racconta che, tempo fa, la Valle Imagna fosse abitata da frotte di folletti: creature impertinenti il cui unico divertimento era quello di scorrazzare da un paese all'altro e dando noia agli abitanti, in particolar modo i viandanti notturni, vittime inermi delle loro burle. In particolare a Berbenno pare che vi abitasse un bel gruppo di folletti, che per anni i parroci avevano tentato di cacciare senza però ottenere gran successo. Processioni straordinarie, rogazioni, celebrazioni sulle vette delle montagne e benedizioni: tutto inutile.

Qualcuno tentò di proporre alternative, come catturare gli spiritelli cintando le siepi attorno ai cimiteri – luogo di ritrovo preferito dei folletti – con le stesse reti che si utilizzavano per catturare gli uccelli, senza però ottenere granché. Pareva anzi che tutte queste strategie avessero ancor più indispettito le creature, che divennero man mano sempre più aggressive fino a quando iniziarono a devastare stalle, pollai, a rubare le uova, agitando le mandrie e le greggi e infastidendo i cani da guardia, seminando puro panico fra i contadini.

Insomma, per quanto minuscoli erano ormai diventati i padroni della Valle Imagna. Una cosa, però, sembra li spaventasse a morte: il suono delle campane. Bastava un rintocco per agitare un fuggifuggi generale e spingere i folletti a rifugiarsi fra i valloni impervi del Resegone. E fu proprio questa paura, unita all'audacia di un uomo, a levarli di torno per sempre. Un anno, infatti, arrivò il tempo dei riti della settimana santa. Come sempre la sera del giovedì le campane iniziarono il loro silenzio, che sarebbe durato fino alla notte della vigilia di Pasqua, ovvero all'annuncio della Resurrezione.

Gli spiritelli, furbi, conoscevano questa tradizione e la sfruttavano per divertirsi senza paura attorno al campanile di Berbenno, divenuto da qualche tempo il loro luogo di ritrovo abituale. Giunse la sera del venerdì santo: in chiesa, il parroco presiedeva la funzione di fronte ai suoi fedeli, ricordando la Passione di Cristo. In quel momento era intento nella lettura, quando il sagrista ebbe un'idea: “Senza dubbio – pensò – in questo momento quei dannati folletti stanno facendo bisboccia attorno al campanule. Se io all'improvviso facessi suonare le campane, li coglierei di sorpresa e forse li spaventerei a tal punto da farli scappar via per sempre”.

Quel pensiero si fece man mano sempre più strada nella mente dell'uomo finché ad un certo punto, mentre il prete si apprestava a rievocare la morte di Cristo, il sagrista si aggrappò alle corde delle campane, che diedero vita ad un impetuoso scampanio, indignando parroco e fedeli. Inutile dirlo, i folletti ne furono terrorizzati: colti di sorpresa da quell'inatteso fragore, si spaventarono così tanto da fuggire via di corsa in preda ad urla infernali e lamenti atroci. L'uomo aveva sì violato il sacro silenzio, ma da quel giorno nessun folletto ebbe mai più il coraggio di metter piede in Valle Imagna.

(Tratto da: "Storie e Leggende della Bergamasca" di Wanda Taufer e Tarcisio Bottani – Ferrari Editrice)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime Notizie

Gnocchi di zucca e amaretti dell'Hotel Miramonti

Nuova puntata della rubrica "Sapori in Valle" con un'altra ricetta firmata Hotel Miramonti. Questa volta scopriamo come vengono preparati i gnocchi  di zucca e amaretti nelle cucine dell'albergo di Rota d'Imagna.

La scuola dagli anni '60 ai '90, Dorina Carrara si racconta: "La maestra deve essere una guida"

I suoi occhi hanno visto per quarant’anni generazioni di bambini della Valle Brembana crescere tra i banchi di scuola. Lo stesso sguardo attento non è mai mancato per i suoi sei fratelli, per suo marito e i loro tre figli. “Ringrazio il Cielo di avere ancora la vista, che è la cosa più importante” esordisce Dorina Carrara, 82 anni compiuti il 13 agosto, mentre legge un quotidiano in attesa dell’intervista.

Le malefatte dell'orco in Valle Brembana

Nelle leggende brembane possiamo trovare l'orco, un essere gigantesco, violento e crudele, che si cibava di bimbi sottraendoli dalle culle. Se ne andava in giro di notte, a fare dispetti ai più nottambuli o a chi doveva alzarsi presto al mattino. Bastava un nulla per agitarlo e per chiunque lo incontrasse erano guai seri.

X
X
linkcross