Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Marco Gherardi, che da 34 anni porta il latte in tutta la Valle Brembana

Marco Gherardi, classe 1964, da 34 anni distribuisce latte – e non solo – ai suoi clienti di tutta la Valle Brembana.
20 Dicembre 2019

Sveglia alle 2:30 del mattino, giacca e furgoncino bianco come la neve. Da Piazzatorre fino ad Albano Sant'Alessandro per caricare i prodotti dall'azienda e poi di nuovo verso la Valle Brembana senza tralasciare nemmeno un paese: da San Pellegrino Terme a Piazza Brembana e da lì, a giorni alterni, fino a Foppolo oppure in direzione Cusio. Questa è la giornata tipo di Marco Gherardi, classe 1964, che da 34 anni distribuisce latte – e non solo – ai suoi clienti: punti vendita, negozi, supermercati, e ancora pasticcerie, bar e ristoranti, che lo aspettano con pazienza ogni mattina.

Faccio, a grandi linee, una settantina di consegne al giorno – racconta Marco – Raggiungo praticamente ogni angolo della valle. È un lavoro molto impegnativo: le prime consegne iniziano alle 6 del mattino, quando le prime attività iniziano ad aprire. Certo, gli ultimi in cima alla Valle si lamentano, perché vorrebbero i prodotti prima – aggiunge ridendo – ma ormai si sono adeguati e sanno organizzarsi al meglio”.

La sua è un'impresa famigliare, un “padroncino” in poche parole, a cui da qualche tempo si è aggiunta la figlia Marina che segue tutto il settore burocratico. “Lavoro per questa azienda da 35 anni – spiega – prima era una realtà molto più piccola, ora assorbita da una multinazionale. Ho il mio furgone e mi gestisco in proprio. Ho iniziato nel lontano novembre 1985, facendo consegne nella zona del bresciano. Da 33 anni, però, vado su e giù dalla Valle Brembana tutti i giorni: si può dire che mi conoscono tutti, perché è una vita che faccio questo lavoro”.

Marco è stato così testimone di un cambiamento importante in Valle, un tema molto caldo che tocca tutti i suoi abitanti in particolar modo negli ultimi anni: quello dello spopolamento, delle attività costrette a chiudere e delle persone quasi obbligate ad andarsene definitivamente per mancanza di servizi. “Una saracinesca che si abbassa è sempre una sconfitta per il paese, questa è la triste realtà – racconta con amarezza Marco – Ho visto tante attività, purtroppo a malincuore, chiudersi: Moio, Bordogna, Baresi, Valnegra sono solo alcuni esempi. Ho potuto vedere e toccare con mano le piccole attività che ancora resistono, ma che fanno una grande fatica a sopravvivere”.

Ma qualche barlume di speranza ancora c'è. “Fortunatamente, si vedono anche alcune realtà che nascono, giovani che hanno il coraggio di investire e scommettere ancora nella nostra Valle – racconta Marco – Purtroppo, essendo un libero professionista, capisco perfettamente le loro difficoltà. Nonostante i sacrifici fatti per arrivare dove sono ora, il mio lavoro è davvero soddisfacente dal punto di vista umano: ho un rapporto di amicizia con i miei clienti, ho visto figli nascere, crescere e ora mandare avanti il negozio. Queste sono le grandi soddisfazioni che mi spingono ad andare ancora avanti per questa strada”.

Durante il tempo libero, Marco è volontario della Croce Rossa. Guida l'ambulanza che staziona a Lenna, facente parte della Croce Rossa di Bergamo insieme al comitato di San Pellegrino. “Lo faccio ormai da 21 anni, mi stimola, mi dà grandi soddisfazioni a livello emotivo – racconta con orgoglio – Lo faccio con passione e mi piace moltissimo. È un modo per aiutare gli altri nel momento del bisogno. Anche se non è semplice, perché a livello di impegno, responsabilità e professionalità, paragonandolo al mio lavoro, è decisamente più impegnativo”.

Ultime Notizie

X
X
linkcross