Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Càsa fò Mars e Tirada de Tole a Zogno, e non solo

Un’usanza nata secoli fa, testimonianza delle abitudini della società rurale brembana.
23 Febbraio 2019

Si rinnova anche quest’anno, domenica 31 marzo, dalle 20.00 alle 22.00, la “Tirada de Tole” tradizionale sfilata che si svolge ogni anno a Zogno. Un’usanza nata secoli fa, testimonianza delle abitudini della società rurale brembana. La manifestazione prevede, infatti, un corteo per le vie del paese: i partecipanti trascinano uno spago a cui sono legate vecchie latte vuote che sferragliano. La meta della sfilata è l’oratorio, dove viene acceso un grande falò in segno di festa.

Il nome della sfilata, “Càsa fò Mars”, rivela benissimo lo scopo della stessa. Nella società preindustriale, l’inverno era il periodo dell’anno più difficile per la popolazione. Ecco allora che, per dire addio alla stagione fredda e salutare l’avvento della primavera, tutti si riunivano e “scacciavano” marzo, dunque l’inverno; all’epoca venivano usati vecchi utensili in metallo.

Simili usanze sono diffuse anche in Valle Imagna e testimoniano la concezione secondo cui l’inverno fosse un momento da allontanare, per fare spazio alla rinascita della natura. Con l’accensione del falò, i contadini illuminavano la notte e scaldavano le tenebre,invitando la primavera a fare lo stess e augurandosi un anno produttivo.

Una tradizione che ha rischiato di scomparire, poiché con la scomparsa del modo di vivere rurale, sono andate perdute anche molte usanze di quest’ultimo, dai piatti tipici ai costumi contadini. “Casa fò Mars” è rinata nei primi anni del Duemila, con la precisa volontà di valorizzare e recuperare il folklore bergamasco. Di anno in anno, l’iniziativa è divenuta sempre più popolare e oggi costituisce un appuntamento fisso per gli zognesi e non solo.

(Fonte Immagine in evidenza: L'Eco di Bergamo)

 

 

 

Ultime Notizie

La scuola dagli anni '60 ai '90, Dorina Carrara si racconta: "La maestra deve essere una guida"

I suoi occhi hanno visto per quarant’anni generazioni di bambini della Valle Brembana crescere tra i banchi di scuola. Lo stesso sguardo attento non è mai mancato per i suoi sei fratelli, per suo marito e i loro tre figli. “Ringrazio il Cielo di avere ancora la vista, che è la cosa più importante” esordisce Dorina Carrara, 82 anni compiuti il 13 agosto, mentre legge un quotidiano in attesa dell’intervista.

Le malefatte dell'orco in Valle Brembana

Nelle leggende brembane possiamo trovare l'orco, un essere gigantesco, violento e crudele, che si cibava di bimbi sottraendoli dalle culle. Se ne andava in giro di notte, a fare dispetti ai più nottambuli o a chi doveva alzarsi presto al mattino. Bastava un nulla per agitarlo e per chiunque lo incontrasse erano guai seri.

Covid, la ricerca spasmodica dei tamponi: "Siamo sicuri che sia questa la strada giusta?"

Nelle ultime tre-quattro settimane, in concomitanza con l’approssimarsi delle feste di Natale e parallelamente al diffondersi in modo via via sempre più massiccio della nuova variante del SARS-COV2, la ricerca dei tamponi per avere diagnosi di infezione, per potersi togliere un dubbio, per essere sicuri, per entrare ed uscire da isolamenti e quarantene o per poter ottenere lasciapassare necessari alle diverse realtà della vita quotidiana è diventata letteralmente spasmodica…del tutto fuori controllo,

X
X
linkcross