Cronaca

Economia e Politica

Cultura

Turismo

Sport

Giovani&Scuole

Eventi

Rubriche

La Redazione

Valle Imagna

Valle Brembana

Menta e panini: la festa di Sant'Antonio di Valnegra

Il mese di giugno in alta Valle Brembana inizia con la festa di Sant’Antonio a Valnegra. Tradizionalmente le celebrazioni coincidono con la chiusura dell’anno scolastico nella vicina scuola media.
9 Giugno 2018

Il mese di giugno in alta Valle Brembana inizia con la festa di Sant’Antonio a Valnegra. Tradizionalmente le celebrazioni coincidono con la chiusura dell’anno scolastico nella vicina scuola media.

Fino a pochi anni fa, alla tradizione di fede e devozione si affiancava l’attesa per i caratteristici “panini di Sant’Antonio” e per i dolciumi proposti in una bancarella vicino alle scuole. Per tanti studenti della zona l’attesa per la festa coincideva quindi con la trepidazione per acquisto del filato di liquirizia, preparato sul posto, dalla forma attorcigliata e distribuito in pezzi. Il colore verdastro tendente al marrone ed il gusto vagamente alpino conferivano a quell’attesa leccornia l’appellativo unanimemente condiviso di “menta”.

Quest’anno la festa prevede il giorno della vigilia, sabato 9 giugno, la Messa alle 17, animata dalla Federazione Campanari Bergamasca e la sera, alle 20,30 il vespro e la benedizione e alle 21 il concerto di campanine in occasione del recente restauro della torre campanaria e delle campane.

Domenica 10 giugno, invece, la grande festa patronale di Valnegra prevede la Messa solenne alle 11.00, presieduta dal parroco don Alessandro Beghini in occasione del suo 20° anniversario sacerdotale e accompagnata da organo e violino. Nel pomeriggio poi, il vespro e la processione alle 16.00 con la statua di Sant’Antonio per le vie del paese, accompagnata dalla banda “San Martino oltre la Goggia” di Piazza Brembana.

Sempre nella giornata di domenica ci sarà la vendita di torte, la pesca di beneficienza e un mercatino di arte e curiosità il cui ricavato delle vendite sarà devoluto per le opere parrocchiali.

 

Ultime Notizie

La scuola dagli anni '60 ai '90, Dorina Carrara si racconta: "La maestra deve essere una guida"

I suoi occhi hanno visto per quarant’anni generazioni di bambini della Valle Brembana crescere tra i banchi di scuola. Lo stesso sguardo attento non è mai mancato per i suoi sei fratelli, per suo marito e i loro tre figli. “Ringrazio il Cielo di avere ancora la vista, che è la cosa più importante” esordisce Dorina Carrara, 82 anni compiuti il 13 agosto, mentre legge un quotidiano in attesa dell’intervista.

Le malefatte dell'orco in Valle Brembana

Nelle leggende brembane possiamo trovare l'orco, un essere gigantesco, violento e crudele, che si cibava di bimbi sottraendoli dalle culle. Se ne andava in giro di notte, a fare dispetti ai più nottambuli o a chi doveva alzarsi presto al mattino. Bastava un nulla per agitarlo e per chiunque lo incontrasse erano guai seri.

Covid, la ricerca spasmodica dei tamponi: "Siamo sicuri che sia questa la strada giusta?"

Nelle ultime tre-quattro settimane, in concomitanza con l’approssimarsi delle feste di Natale e parallelamente al diffondersi in modo via via sempre più massiccio della nuova variante del SARS-COV2, la ricerca dei tamponi per avere diagnosi di infezione, per potersi togliere un dubbio, per essere sicuri, per entrare ed uscire da isolamenti e quarantene o per poter ottenere lasciapassare necessari alle diverse realtà della vita quotidiana è diventata letteralmente spasmodica…del tutto fuori controllo,

X
X
linkcross